8.2 C
Milano
05. 03. 2024 02:10

Cosa ci lascia il Milano Pride 2022

Bisogna manifestare, ma stona l'insaziabile necessità di una comunità di farsi notare a tutti i costi

Più letti

Una giornata dai mille colori. Questa è stato il Milano Pride 2022. La parata arcobaleno, partita da Stazione Centrale e diretta in corso Sempione, ha attraverso le vie del centro colorando la città contro omofobia e omotransfobia. Suggestivo anche il concerto finale in Arco della Pace: musica fino a mezzanotte e tantissimi giovani scatenati.

Manifestare, sì. Eccesso, anche no

C’è un però. L’eccesso, l’insaziabile necessità di una comunità di farsi notare a tutti i costi, andando decisamente sopra le righe. La strafottenza verso un sistema che, volenti o nolenti, è quello in cui viviamo. Il ripudio ad una “pubblica decenza”, come scrive il codice penale, inteso come forma ribellione verso la libertà. Ecco, questo è l’errore più grande che una comunità come quella LGBT+ sta commettendo: dopo anni di vessazioni e discriminazioni, è il momento di alzare la voce. Ma nei limiti.

milano pride 2022

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Sfilare per le vie del centro di Milano con solamente del nastro adesivo sui capezzoli non è libertà. Camminare lungo Corso Sempione con il fondoschiena in bella vista non è libertà. Scambiare l’autodeterminazione individuale con provocazioni bigotte non è maturità. Giusto, legittimo, necessario alzare la voce. Ma ricordiamoci che esiste la pubblica decenza, per fortuna.

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A