-1.1 C
Milano
18. 01. 2021 23:45

Milano, la Procura indaga sull’ “intelligenza” dei monopattini elettrici

La Procura sta cercando di far luce su quanto realmente funzionassero i sistemi di sicurezza tecnologica previsti sui monopattini elettrici

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Nelle settimane scorse i ripetuti incidenti causati dai monopattini erano finiti sul tavolo della Procura. Al momento gli inquirenti stanno indagando per comprendere se i mezzi elettrici siano davvero “intelligenti”. In che senso? Secondo gli accordi tra Palazzo Marino e gli operatori, ogni monopattino dovrebbe essere dotato di un “sistema tecnologico”  che informi il guidatore su “aree e percorsi” nei quali possa circolare regolarmente, nonché su dove sia “consentita la sosta”.

Il meccanismo. La tavoletta elettronica installata sui mezzi dovrebbe inoltre rendere impossibile la sosta e il nolo all’esterno degli spazi appositamente individuati.

Proprio su questo punto si stanno concentrando le indagini della Procura, la quale ha aperto un fascicolo esplorativo per far luce sugli oltre 74 incidenti registrati a Milano da inizio giugno.

Inoltre gli inquirenti stanno cercando di capire anche se le aziende noleggiatrici abbiano realmente investito, in base agli accordi con Palazzo Marino, 10 euro ogni anno per attivare un’adeguata comunicazione sulle regole di utilizzo dei monopattini.

 

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti