3.4 C
Milano
10. 12. 2022 08:51

Strage di via Palestro: 29 anni dopo, per non dimenticare 

Milano ricorda così uno dei momenti più crudi della sua storia recente

Più letti

Oggi è l’anniversario della strage di via Palestro e Milano, a 29 anni di distanza da quell’evento, vuole ricordare con forza uno degli episodi più crudi della storia recente della città. Per farlo l’appuntamento sarà al Cimitero Monumentale, dove si terrà un concerto straordinario proprio in memoria delle vittime di quell’attentato dal titolo «Ninnananna». 

Strage di via Palestro, Milano ricorda così a 29 anni dall’attentato 

E quindi oggi, Mercoledì 27 luglio, alle ore 21:30 l’appuntamento sarà di fronte all’imponente Ossario Centrale, dove si esibirà l’ensemble vocale e strumentale laBarocca dell’Orchestra sinfonica di Milano. Verrà eseguito, a cielo aperto e sotto la direzione artistica di Ruben Jais, il celebre Requiem in Re minore K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart, in una nuova versione con orchestrazione dei numeri finali di David Del Puerto. Il concerto, che durerà circa 50 minuti, vuole essere un omaggio ed un ricordo affettuoso per chi non c’è più, vale a dire le cinque vittime di quell’attentato di Cosa Nostra del 1993: i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno, l’agente di Polizia municipale Alessandro Ferrari e il venditore ambulante Moussafir Drissalle. 

strage di via palestro

In esposizione anche un’opera di Maurizio Cattelan

Il 27 luglio del 1993 l’attentato di Cosa Nostra fu operato tramite l’esplosione di un’autobomba, che provocò la morte di cinque persone e rase al suolo il muro esterno del Padiglione d’Arte Contemporanea. E difatti oggi il Comune di Milano, assieme all’artista Maurizio Cattelan, oltre a promuovere questo concerto gratuito di musica classica, ospitato nella splendida e solenne cornice del Cimitero Monumentale, sarà anche un modo per vedere all’opera, anche se indirettamente, lo stesso Cattelan. Il 30 marzo scorso è stata presentata, nella sala del Tempio crematorio del Monumentale, Lullaby, l’opera realizzata dall’artista nel 1994; dopo l’esplosione di via Palestro, lo stesso Cattelan ha recuperato presso una discarica le macerie del PAC e le ha poi raccolte in quaranta sacchi di plastica stoccati su due pallet da cantiere. Fino al 6 novembre 2022 l’opera resterà esposta al Monumentale, per poi entrare a far parte della collezione permanente del Museo del Novecento.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...