3.7 C
Milano
20. 01. 2022 23:37

“Benvenuto” Super Green Pass: tutto quello che c’è da sapere sul nuovo decreto

A mezzanotte è scattata l'entrata in vigore del Super Green Pass: ecco tutto quello che c'è da sapere sul nuovo decreto del governo

Più letti

Dal 6 dicembre 2021 fino al 15 gennaio 2022, con il nuovo Dpcm entrerà in vigore il tanto discusso Super Green Pass. I contagi, nel corso degli ultimi mesi, sono aumentati notevolmente. Il rischio di una quarta ondata non sembra essere così lontano, e i dati attuali non sembrano essere confortanti, complice anche la presenza della nuova variante omicron.

Il Dpcm che entra oggi in vigore stabilisce che il nuovo Super Green Pass sarà rilasciato solamente a coloro che saranno in possesso di certificazione d’avvenuta guarigione da Covid o a chi ha già fatto una o due dosi di vaccino. Per tutti coloro che non detengono i requisiti necessari, a meno che non si vaccinino, non sarà possibile avere accesso a determinate attività.

Il nuovo Super Green Pass

Il nuovo decreto legge approvato il 24 novembre sul Super Green Pass prevede, quindi, modifiche e nuove regole, che saranno valide in tutte le zone, compresa quella bianca. Per limitare la diffusione del Coronavirus in vista delle feste natalizie l’ingresso a fiere, feste, eventi sportivi, bar, stadi, cinema, teatri, ristorantilocali e discoteche sarà consentito solo ai possessori del Super Green Pass. Mentre per cerimonie e matrimoni sarà sufficiente il Green Pass base, come per le attività sportive e per gli impianti sciistici, ove sarà sufficiente mostrare anche un tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore se rapido o 72 se molecolare.

Nè il Green Pass base né il  Super Green Pass saranno, invece, richiesti all’interno dei supermercati e dei negozi, parrucchieri compresi. Niente Super Green Pass anche per l’uso dei mezzi di trasporto pubblico come metropolitana e mezzi di superficie. Secondo il Dpcm, per accedere ai servizi di traporto, però, bisognerà essere in possesso anche in questo caso del Green Pass base. Stessa regola per chi viaggerà sui treni regionali e interregionali. Non sarà necessario il Super Green Pass nemmeno negli hotel e nei ristoranti e bar al loro interno, ma anche in questo caso sarà sufficiente aver effettuato un tampone con esito negativo.

Il nuovo Dpcm conferma la suddivisione dell’Italia per aree in base al rischio di contagio: zona bianca, zona gialla e arancione e zona rossa.

Le vacanze natalizie si avvicinano, e la paura di tornare in lockdown ha fatto sì che il governo attuasse dei seri provvedimenti affinché non si ripeti la situazione dell’anno precedente. Per arginare il problema, l’obbligo di vaccinazione è stato esteso a nuove categorie di lavoratori: tra queste le forze di polizia, i militari, il personale di pronto soccorso, i lavoratori in ambito amministrativo e scolastico. Per gli altri tipi di impiego rimane l’obbligo di esibire il Green Pass base.

Cosa cambierà per chi ha già effettuato il vaccino

Per chi si è sottoposto a vaccinazione, sarà necessario scaricare il Super Green pass attraverso l’App immuni o la App IO. Oppure attraverso il proprio fascicolo elettronico o facendo richiesta al proprio medico di base o farmacista. Una delle novità introdotte dal nuovo decreto riguarda la scadenza: la validità del super Green Pass sarà di nove mesi, e non più dodici mesi.

Ricordiamo che dal primo dicembre 2021, per tutti i cittadini, è possibile prenotare la terza dose a patto che siano trascorsi cinque mesi e non più sei, dall’ultima vaccinazione. Anche la terza dose avrà una validità, per ora, di nove mesi.

Continuano le proteste contro il Super Green Pass

Super Green PassNon sono mancate in questo periodo le contestazioni dei cittadini che si sono detti contrari all’obbligo del Green Pass, e nemmeno quelle di alcune forze politiche. A Milano le manifestazioni non sembrano fermarsi; si è appena concluso, infatti, il ventesimo sabato di proteste. Sono in molti, infatti, a ritenere che l’obbligo di green pass sia incostituzionale.

Il motivo che spinge alcuni esponenti politici e alcuni cittadini a sostenere che il Super Green Pass sia incostituzionale è perché violerebbe l’articolo 3 della costituzione, articolo che sancisce il divieto di discriminare ogni individuo.

Ma il nuovo Super Green Pass è davvero incostituzionale?

In verità, l’articolo 3 della costituzione prevede che ogni ogni individuo non venga discriminato in base al proprio sesso, alla propria etnia, religione e neppure sulla base delle proprie opinioni politiche. È importante, però, sottolineare, che il consiglio dei ministri, ritenendo costituzionalmente legittimo il dettato normativo, lo ha approvato all’unanimità.

Da oggi, lunedì 6 dicembre 2021, in molti, tra scettici e no vax dovranno compiere una scelta. Le regole ormai ferree e severe, saranno più difficili da transigere. Il Super Green Pass sarà un requisito fondamentale e necessario per poter vivere in società, ma soprattutto per potersi godere un po’ di socialità in sicurezza.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...