17.7 C
Milano
16. 06. 2024 01:31

Tassi di interesse più bassi, ma meglio ancora il fisso

Da domani sarà effettivo il taglio di 25 punti deciso dalla BCE. Cosa cambia in concreto

Più letti

Il momento tanto atteso è arrivato: la BCE ha disposto il taglio di 25 punti base. Le modifiche saranno effettive a partire da domani, mercoledì 12 giugno, anche se l’Euribor a 1 mese sta già scontando le attese del mercato passando dal 3,85% del 6 maggio al 3,68% dell’ultima rilevazione del 5 giugno. La diminuzione dei tassi di interesse comporterà un abbassamento della rata mensile per i mutui variabili, il cui andamento segue direttamente il costo del denaro essendo indicizzati all’Euribor.

Tassi di interesse, lo scenario

Oggi la distanza tra il tasso fisso e il tasso variabile, escludendo i mutui green, è di oltre 200 punti base. A fine maggio, infatti, i mutui a 20 e 30 anni hanno registrato un tasso variabile medio del 5,24%, mentre il tasso fisso medio si è attestato al 3,15%. Ancora più marcata la differenza tra i migliori prezzi, che si attestano al 2,59% per i fissi e al 4,65% per i variabili.

Questo ha portato la quasi totalità delle richieste di mutuo nella prima parte dell’anno a orientarsi verso il tasso fisso (98,6% del mix). Stipulare un mutuo a tasso fisso continua a essere la strategia ottimale per i prossimi mesi, tanto che si mantiene alta la quota di richieste di surroghe da variabile a fisso, che rappresenta oltre il 30% delle richieste. Intanto, aumentano rispetto al 2023 le richieste di mutuo sopra i 150.000 euro (dal 27,4% del mix al 31,7% del mix).

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Secondo l’Osservatorio di MutuiOnline.it le regioni dove si richiedono importi dei mutui maggiori sono il Trentino-Alto Adige (188.412 euro in media), la Lombardia (159.390 euro) e il Lazio (156.878 euro).

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...