26.4 C
Milano
24. 05. 2022 18:08

La Triennale esclude la Russia dalla prossima Esposizione Internazionale. Boeri: «Abbiamo ritirato l’invito»

Il presidente della Triennale ha ritirato l'invito al Governo Russo per la partecipazione alla prossima esposizione internazionale

Più letti

In occasione della 23a Esposizione Internazionale, che aprirà all’inizio dell’estate, Triennale Milano intende garantire, insieme a quella di molti altri Paesi che hanno aderito alla prossima Esposizione, la presenza del Padiglione dell’Ucraina. Allo stesso tempo il presidente Stefano Boeri ha deciso di escludere la Russia dalla partecipazione dell’evento.

La Triennale esclude la Russia dall’esposizione internazional

«Stante l’attuale drammatica situazione in Ucraina causata dalla folle, violenta e ingiustificata aggressività dell’esercito russo è stato ritirato l’invito al Governo russo a partecipare con un proprio padiglione alla prossima Esposizione Internazionale», ha scritto ieri sera Stefano Boeri sul proprio profilo social.

Il programma dell’esposizione

Alle iniziative legate all’esposizione, che verranno presentate in un incontro pubblico mercoledì 9 marzo in Triennale, parteciperanno artisti, intellettuali, scienziati ucraini e internazionali impegnati nella difesa dei valori della libertà, della democrazia, del dialogo tra i popoli di tutto il mondo.

Tra questi gli ucraini Ilya Khrzhanovsky, regista, Mihail Mirakov, filosofo, Katia Kabalina, curatrice, Katerina Pischickova, scienziata politica, Anna Zafesova, giornalista, Yevgenia Belorusets, artista, Konstantin Sigov, storico, Antonii Baryshevskyi, pianista, Anna Gadetska, Program Director Open Opera Ukraine, Albert Saprykin, Co-Founder& Head Kyiv Contemporary Music Days, e molti altri esponenti delle più diverse discipline e provenienze che si stanno aggiungendo di ora in ora.

Triennale Milano - Foto di Gianluca Di Ioia

Afferma Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano: «In un momento così drammatico, crediamo che un’istituzione culturale come Triennale possa svolgere un ruolo di antenna ricevente e trasmittente tra quanto accade in Ucraina e le voci della cultura ucraina presenti in Italia e nel mondo, permettendo cosi quello scambio di opinioni e informazione tra le culture e loro istituzioni internazionali che proprio la guerra in corso rischia di interrompere bruscamente».

Planeta Ukrain, la piattaforma preparatoria del Padiglione dell’Ucraina alla prossima Esposizione Internazionale, sarà curata dallo scrittore Gianluigi Ricuperati con Lidiya Liberman, attrice, e Anastasia Stovbyr, pianista, e sarà attivo durante i sei mesi della prossima Esposizione Internazionale di Triennale Milano.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...