3.7 C
Milano
21. 01. 2022 00:08

CBD per la concentrazione e il relax: può davvero essere utile?

Più letti

Viviamo ormai in un epoca dove i ritmi sono alle stelle. Lavorare nobilita l’uomo, ma talvolta è difficile stare dietro a tutti gli oneri quotidiani senza rimetterci dal punto di vista psicologico.

Lo stress è una condizione ormai estremamente diffusa e il carico di impegni a cui ognuno di noi deve badare giorno dopo giorno può essere sfiancante al punto da compromettere la capacità di concentrazione.

Per alleviare questo tipo di disagi c’è chi si affida ai prodotti a base di CBD sperando di ottenere dei benefici acquistando la cannabis o l’hashish legale online.

Ma sarà poi vero che il cannabidiolo può avere effetti positivi sul relax e sulla concentrazione?

Cercheremo di rispondere a questa domanda nel seguente articolo.

Come il CBD può aiutare a rilassarsi e a essere concentrati

Diverse ricerche sembrano dimostrare che il CBD possa avere effetti rilassanti sul corpo umano sia a livello psichico che fisico interagendo con i recettori del sistema endocannabinoide.

A livello strettamente medico, alcuni studi hanno perfino evidenziato come il cannabidiolo possa essere utile nel controllo delle sindromi di ansia.

Particolarmente interessante è uno studio condotto nel 2011 sugli effetti del CBD sulle persone affette da ansia causata da fobia sociale. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi. A uno è stata somministrata una dose orale di 400 milligrammi di cannabidiolo, all’altro un placebo. Coloro che hanno ricevuto il CBD hanno sperimentato livelli di ansia inferiori rispetto agli altri partecipanti.

Alcuni studi recenti sembrerebbero anche dimostrare che il CBD possa essere utile nel trattamento della sindrome da stress post-traumatico (PTSD) in associazione alle cure tradizionali portate avanti con i farmaci e con la terapia cognitivo-comportamentale.

Non esistono, invece, studi riguardo l’efficacia del CBD nel miglioramento della concentrazione, per lo meno non come effetto diretto. È vero, però, che la capacità di concentrazione dipende anche dal buon riposo e dall’assenza di stress e ansia.

Poiché il cannabidiolo, come abbiamo visto, riduce l’ansia e lo stress, e poiché alcune ricerche affermano che migliori la quantità e la qualità del sonno, ci sono buone ragioni per credere che questa molecola possa avere effetti positivi sulla concentrazione.

Questo può sembrare paradossale in quanto il CBD viene associato molto spesso agli effetti stupefacenti della cannabis e si pensa sia deleterio per la lucidità mentale. Tuttavia questa molecola, al contrario del THC, non possiede alcun effetto psicotropo e dunque non compromette la capacità di restare vigili.

Perfino l’ONU a fine 2020 ha preso posizione in merito al dibattito sul CBD, sostenendo che non si tratta di una sostanza che presenta rischio di abuso e riconoscendone il valore terapeutico.

CBD e sport: c’è chi lo usa per migliorare le proprie prestazioni

Nel mondo dello sport alcuni atleti usano il CBD per le sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie. Questo avviene di frequente negli sport di combattimento, in particolare nelle Mixed Martial Arts (MMA).

Le MMA sono uno degli sport più impegnativi dal punto di vista fisico e richiedono ai combattenti di allenarsi duramente in più discipline. Questo significa che il dolore è un evento regolare e qualcosa a cui devono abituarsi se vogliono allenarsi costantemente e competere ad alti livelli.

Ma, per essere un combattente di MMA, c’è bisogno di più che forza e agilità; ci vuole un corpo forte e una mente altrettanto forte per affrontare lo stress di questo sport. Per questo, i lottatori di questo sport che utilizzano il CBD lo fanno anche in virtù delle sue proprietà rilassanti e ansiolitiche.

CBD: ci sono rischi per la salute?

L’uso del CBD comporta alcuni rischi minori. Sebbene sia spesso ben tollerato, il CBD può causare effetti collaterali, come secchezza delle fauci, diarrea, riduzione dell’appetito, sonnolenza e affaticamento. Può, inoltre, interagire con alcune tipologie di farmaci tra i quali gli anticoagulanti.

Alcuni rischi sono, invece, legati ai prodotti confezionati con difetti di dosaggio e di purezza del CBD. Alcune recenti ricerche hanno dimostrato che, su 84 prodotti a base di cannabidiolo acquistati online, più di un quarto conteneva meno CBD di quanto indicato in etichetta. Numerosi di questi prodotti, inoltre, avevano una concentrazione di THC troppo elevata.

Ad ogni modo il CBD, quando acquistato da aziende affidabili, non presenta particolari rischi per la salute. Tuttavia questo non deve essere un invito a utilizzare il cannabidiolo con leggerezza. Se si è interessati a questa sostanza, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico e seguire tassativamente le sue indicazioni e i suoi suggerimenti.

Se hai intenzione di usare prodotti contenenti CBD, parlane con il tuo medico.

In conclusione

Come abbiamo visto la medicina ha ancora tanta strada da fare nella ricerca sul CBD, ma i dati attualmente disponibili sembrano dimostrarne l’efficacia nel trattamento dello stress e dell’ansia.

Poiché è in grado di attenuare i sintomi di questi disturbi, migliorando le condizioni psichiche durante la fase di veglia e aumentando la qualità del sonno, c’è chi afferma che il cannabidiolo possa essere benefico anche per la concentrazione.

L’utilizzo di questa sostanza da parte degli atleti di alcuni sport tra cui le MMA sembrerebbe avvalorare quanto scritto sopra.

Ad ogni modo, qualora si decida di acquistare il cannabidiolo, è bene farlo solo presso i migliori rivenditori nazionali, come l’italianissimo e arcinoto Justbob.

Questa sostanza, infatti, è considerata priva di rischi per la salute ma solo a patto che sia prodotta e confezionata secondo dei rigorosi standard. Sul mercato, purtroppo, si possono trovare articoli a base di CBD scadenti e potenzialmente nocivi. Solo scegliendo le aziende più affidabili del settore si può avere la garanzia di non incorrere in simili prodotti di pessima qualità.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...