È la festa profana per eccellenza, il Carnevale. Erede dei culti dionisiaci dell’antica Grecia e dei Saturnali del mondo romano, ha in sé una vena di trasgressione che è rimasta fino al giorno d’oggi. Se siete fan di maschere e travestimenti, però siete troppo impazienti per aspettare il 9 marzo, data del Martedì Grasso e giorno clou del Carnevale Ambrosiano, potete sempre partecipare alle celebrazioni in maschera, previste in tutta la Lombardia: eventi che richiamano tradizioni millenarie e riti antichissimi che affondano le proprie radici nella notte dei tempi.

Immancabili carri allegorici, travestimenti, coriandoli, divertimento e buon cibo locale. Il Carnevale lombardo è per tradizione quello delle maschere. Qui è nato Arlecchino, forse il personaggio più famoso insieme a Pulcinella. Ma di travestimenti celebri ce ne sono tanti altri, a cominciare da Meneghino a Milano che ne è diventato simbolo.

 

QUI CREMA (CR)
Gli scenografici carri allegorici

Sono 33 le edizioni del Gran Carnevale di Crema con quella che parte domenica. Formula collaudata per domenica 24 febbraio è in programma la prima sfilata che sarà gratuita, partirà alle 14.30 da piazza Giovanni XXIII per approdare dall’altra parte della città. Tantissimi i grandi carri allegorici che toccheranno molti temi: dall’ambiente con il carro Salviamo i ghiacciai e l’Arca di Noè fino a Robin Hood. Molte le manifestazioni collaterali. Ci saranno le bancarelle in piazza Duomo e quelle del cibo da strada ai Giardini di Porta Serio; un libro a fumetti sul carnevale, la banda musicale del Trillo incaricata dell’inaugurazione sabato sera al S. Domenico, le canzoni del cantante Alessandro Bosio e spezzoni di musical famosi interpretati dalla compagnia Via Vai.

 

QUI ERBUSCO (BS)
Burattini e calici di Franciacorta

Si parte domenica prossima, 24 Febbraio, dal Centro Commerciale Le Porte Franche di Erbusco per un pomeriggio dedicato all’intrattenimento dei più piccoli con i burattini della “Compagnia DEGAN” e con gli artisti di strada con il piccolo circo mobile di Junkee. Immancabile l’appuntamento con lo “Spiedo alla Bresciana” sotto il tendone riscaldato all’Oratorio di Erbusco. La manifestazione si concluderà martedì 5 marzo con la sfilata dei carri allegorici e gruppi mascherati iscritti e la possibilità di degustazione delle specialità erbuschesi tra cui un buon bicchiere di Franciacorta. Sabato 9 marzo, al Teatro Comunale di Erbusco, la manifestazione si concluderà ufficialmente con la commedia dialettale della Compagnia del “Bel Rider di Torbiato” in collaborazione con gli Amici di Raphael.

 

QUI SCHIGNANO (CO)
Le maschere della tradizione

In questo angolo di paradiso incastonato nella verde Val d’Intelvi, a pochi minuti di strada dalle sponde del Lago di Como, le assolute protagoniste del Carnevale sono le antichissime maschere locali. Il via ai cortei in maschera è fissato per domenica 24 febbraio, con la prima sfilata dedicata ai bambini, dalle 13.30. Il clou del carnevale va invece in scena il 2 e 5 marzo. Inizio fissato alle 14.30, con partenza dalla piazza principale e sfilata che attraverserà le frazioni di Schignano. Durante la sfilata andrà in scena la tradizionale e attesa fuga del Carlisepp. Il fantoccio che rappresenta il Carnevale, sarà poi riacciuffato e messa al rogo, al termine della serata fatta di danze e piatti di gastronomia tipica che si consumeranno presso la palestra locale.

 

QUI SONDRIO
La spettacolare discesa dal campanile

Il Carnevale dei ragazzi di Sondrio inizierà venerdì prossimo, 22 febbraio, alle 19.30 all’oratorio Sacro Cuore con la serata d’apertura, da vivere rigorosamente in maschera con una cena e allietata dallo spettacolo del clown Sergio Procopio. Il giorno seguente, dalle 17.00, partirà il corteo regale che, guidato dal Re e dalla Regina del Carnevale dei ragazzi giungerà, dopo aver attraversato le vie del centro di Sondrio. Lì, per decretare l’avvio ufficiale del Carnevale, è in programma la spettacolare discesa del campanile della chiesa collegiata da parte di due variopinte maschere. Il clou del Carnevale arriva domenica 24 febbraio, a partire dalle 14.00, con l’immancabile e decennale sfilata dei carri allegorici. Un festoso corteo che tornerà in centro per le premiazioni dei carri allegorici.

mitomorrow.it