Magic Light Festival
Magic Light Festival

Anche quest’anno, Como si trasforma in un luogo speciale grazie alla magica atmosfera natalizia di Magic Light Festival e della Città dei Balocchi, la manifestazione organizzata dal Consorzio Como Turistica e dagli Amici di Como, giunta alla ventiseiesima edizione. I visitatori potranno passeggiare tra i mercatini del centro città, ammirare le splendenti luci natalizie di Como Magic Light Festival e divertirsi sulla pista del ghiaccio in piazza Cavour o andare alla scoperta dei presepi provenienti dai punti più remoti del globo, in mostra per l’occasione nella Chiesa di San Giacomo in Piazza Grimoldi.

La magia e il fascino della Città dei Balocchi, ormai passato il quarto di secolo, non accennano a diminuire e quello che in principio poteva essere l’evento per bambini, oggi è una festa per tutti. Festa che, oltre alle attività tradizionali, offrirà nuove, magiche esperienze culturali, didattiche, artistiche e di intrattenimento. Come da tradizione, anche il 2019 avrà un tema che riunirà gli eventi e le iniziative in programma sotto allo slogan Amiamo il pianeta! In un momento storico in cui la salvaguardia dell’ambiente e dei suoi ecosistemi è di fondamentale importanza anche la Città dei Balocchi ha a cuore le sorti dell’ambiente. L’ampio uso di tecnologia led a bassissimo consumo per le illuminazioni, la tematizzazione delle iniziative per diffondere maggiore consapevolezza sul problema ambientale e la promozione di laboratori didattici, sono solo alcune delle attività che la Città dei Balocchi ha in serbo per l’edizione di quest’anno, all’insegna dell’ecosostenibilità.

Moltissimi gli eventi in programma: dal Magic Light Festival, fiore all’occhiello della manifestazione, con le proiezioni replicate all’infinito grazie agli scatti che quotidianamente viaggiano sul web e sui social. Il mercatino di Natale con le sue tipiche casette, la pista del ghiaccio in piazza Cavour, le mostre e le animazioni per i bambini al Broletto, il palio del Baradello, il Natale in divisa, il Progetto Scuola, gli spettacoli del mago Valery, il trofeo Città dei Balocchi, la musica nelle piazze, la Ruota panoramica ai giardini a lago, la Giostra del ‘700 , l’arrivo di Babbo Natale e della Befana con migliaia di doni per i bambini e i fuochi artificiali organizzati per il capodanno sul lago. Tanto spazio per la solidarietà.

«Ci piace fare rete»
Daniele Brunati: «Abbiamo contagiato anche i privati»

«Siamo nella città di Alessandro Volta e questo è un omaggio anche a lui». Daniele Brunati, patron della Città dei Balocchi è sicuro che anche la ventiseiesima edizione darà buoni frutti. «L’interesse è salito anno dopo anno fino a quindici anni fa, quando abbiamo introdotto il Festival delle Luci che ha fatto registrare un vero e proprio boom. La cattedrale di Como si affaccia su tre piazze e due poco distanti. E questa è una peculiarità unica che si presta perfettamente alle proiezioni architetturali e i video mapping. Un’idea vincente che ha creato un’atmosfera natalizia irripetibile».

Un’idea che è stata d’esempio?
«Esattamente. Il nostro progetto ha contagiato anche i privati che spontaneamente hanno voluto addobbare case, parti di vie e piazze, rendendo Como ancora più bella».

Quali sono i punti di forza della manifestazione?
«Quest’anno La Città dei Balocchi rappresenta il più grande progetto sociale natalizio della Lombardia: il nostro slogan è Salviamo il pianeta e punta a diffondere la sostenibilità ambientale, grazie a laboratori a tema nel Broletto, in collaborazione con la Fondazione Minoprio e nella Baita di Babbo Natale».

Gli eventi sono veramente moltissimi. Come fate ad organizzare tutto?
«Facciamo rete. Quest’anno abbiamo coinvolto cinquanta associazioni di volontariato che presentano i loro progetti solidali, mentre molte cittadine limitrofe hanno chiesto di poter partecipare con iniziative in loco. Ad esempio, la Casa di Babbo Natale di Cantù fa parte del circuito degli eventi collaterali della manifestazione, così come gli eventi organizzati da Cernobbio. In questa edizione abbiamo sconfinato coinvolgendo anche Chiasso a cui abbiamo concesso il know-how dell’illuminazione della piazza principale».

Collaborazioni che hanno permesso di creato anche Christmas Light…
«E’ un progetto a cui teniamo molto. Si tratta del presepe naturale più grande del mondo che coinvolge diciotto comuni e quarantotto siti illuminati. Un’unicità da vedere».

 

INFO POINT
Palazzo del Broletto (Piano terra)
Fino al 6 gennaio
10.00 – 12.30
15.00 – 19.00

foto Andrea Butti


www.mitomorrow.it