11.7 C
Milano
21. 04. 2021 23:31

Anche per voi “il solito”?

Più letti

Quando tra la fine degli ’80 e i primi anni ’90 si affacciarono a Milano le prime catene di fast food americane, in molti erano preoccupati dall’impatto che queste potessero avere sulle attività presenti. Si gridò al pericolo di chiusura dei locali italiani in nome di un’omologazione globale che avrebbe portato le nostre tradizioni ad una veloce scomparsa.

La storia ha dimostrato non solo che ciò non è accaduto, ma che l’aumento di iniziative dall’esterno ha portato più offerta e quindi generato anche più domanda per tutti. Se in una via c’è solo un locale (sia ristorante, bar o pub) questa via sarà per forza meno frequentata e il locale non ne troverà giovamento. Al contrario, più presenza di attività rende la via più viva animata e più profittevole per chi sceglie di aprirci un’attività o per chi ce l’ha già. Poi c’è un altro discorso da fare.

Ci sono tanti luoghi che aprono spinti dalle mode (impazza quella del poke, per esempio) e sono solitamente quelli più a rischio nel medio lungo termine. Invece ci sono posti che resistono all’usura del tempo, a banconi anni ’70, ad arredamenti un po’ così.

Resistono perché per i loro clienti quei posti sono casa: quel particolare piatto lo mangio solo lì, l’oste è ormai diventato mio amico e mi trova un tavolo sempre, quel cappuccino alla mattina è più buono perché mi consente di scambiare due battute con il barista che conosco ormai da anni, quella birra in quel pub mi fa sentire a casa e non straniero in una città che a volte tende a spersonalizzarci.

Se ci pensiamo, ognuno di noi ha un luogo che magari non sarà all’ultimo grido ma che ci fa sentire diversi da semplici clienti, che ci fa sentire coccolati, in cui troviamo una sensazione di famiglia di cui abbiamo e avremo sempre bisogno. Perché sentirsi chiedere “Il solito?” è meraviglioso, talvolta necessario.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Blitz del Collettivo Kasciavìt contro Radio 105: «Dallo Zoo discorsi sessisti»

  Blitz fuori dalla sede milanese di Radio 105 da parte del Collettivo Kasciavìt contro lo Zoo, i cui conduttori...