21.4 C
Milano
19. 05. 2024 23:47

Dentro la crisi: da qui in poi, salvati o sommersi

Più letti

Nei prossimi mesi, quando la crisi scatenata dal virus sarà ancora più evidente, diventerà più chiaro l’impatto sociale. Ci saranno vecchi poveri a cui si aggiungeranno i nuovi. Alcune categorie saranno più colpite, altre meno, altre paradossalmente ne usciranno rafforzate. Questo rischia di essere ancora più evidente nelle città e in particolare a Milano.

 

Gli effetti della crisi

Chi ha un lavoro dipendente a tempo indeterminato e non a rischio, o chi è dipendente pubblico, potrebbe anche vedere un aumento del proprio risparmio (nei mesi di lockdown, a parità di salario, sono state infinitamente minori le uscite).

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Poi ci sono tante lavoratrici e lavoratori che vivono con ansia, pur avendo un contratto, perché impiegati in aziende e in settori messi pesantemente sotto pressione già oggi e ancora di più nel futuro. Infine, ci sono i sommersi: non solo quelle categorie storicamente a rischio povertà.

A Milano sono migliaia le partite iva, i freelance, i lavoratori autonomi collegati a quel grande sistema di autopromozione che è uno dei core business della città. Sono persone che in questa fase hanno tutele poche o nulle, che rischiano di vedere una pesantissima contrazione dei loro fatturati se non addirittura una vera e propria caduta nella zona di povertà.

La crisi e il sistema del welfare

Basti l’esempio di tutto quel mondo creativo che ruota intorno alle settimane a tema che contraddistinguono la nostra città. Dovrà cambiare profondamente il sistema di welfare italiano e anche quello comunale. Bisognerà avere il prima possibile il quadro della situazione – numeri e dati – e agire di conseguenza.

Il rischio, al contrario, è che la ripartenza non sia per tutti e quindi sia con un pesante freno a mano tirato. Questa crisi ha messo ancora di più in evidenza molte delle diseguaglianze che già erano presenti prima, non affrontarle potrebbe essere esplosivo.

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...