25.5 C
Milano
12. 04. 2024 19:35

Saldi, l’anacronismo ancora più senza senso dopo il Covid

Tra crisi post Covid e offerte online abbiamo veramente ancora bisogno dei saldi?

Più letti

Sì, non ci sono troppi giri di parole: i saldi (invernali o estivi che siano) sono davvero diventati anacronistici. Lo erano già da tempo, ma nell’epoca post Covid (sempre che sia davvero superata la fase più critica) fissare paletti e date per il commercio e per le vendite promozionali assume i connotati di una pratica grottesca.

Saldi, non più al passo coi tempi

Probabilmente, infatti, non si è ancora metabolizzato il cambiamento epocale del commercio online, ma anche quello offline che in molti casi si è adeguato fin troppo minuziosamente alle norme anti-contagio offrendo ai clienti la possibilità di entrare nei negozi su appuntamento.

Per non parlare delle innumerevoli offerte che piovono sugli smartphone dei milanesi da un colosso come La Rinascente che, di fatto, non ha mai smesso negli ultimi tre mesi di bombardare di messaggi, telefonate e-mail contenenti sconti, cumulabili con altre offerte di ogni tipo: insomma, un labirinto che risponde al solo obiettivo di attrarre clientela con prezzi di saldo.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Di conseguenza, il rito dei saldi di fine stagione (anche questo termine andrà rivisto dato che l’estate è appena iniziata) è rimasto forse nella memoria e nei programmi di qualche negoziante vetusto, ma certamente ancorato alle regole che le istituzioni impongono senza accorgersi del mondo cambiato.

Sembra strano, però l’impressione è che la pandemia non abbia insegnato nulla alla categoria già abbastanza falcidiata dalla carenza di turismo internazionale.

 

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...