4.2 C
Milano
22. 01. 2021 20:56

Uno spiraglio per lo stadio Meazza: non si trasloca

Più letti

Da domenica Lombardia in zona arancione

Da domenica la Lombardia tornerà in zona arancione. Lo ha certificato l’Istituto superiore di Sanità dopo una rettifica dei...

Bollettino regionale, torna a scendere il tasso di positività: Milano, +203 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.969, di cui 112 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Salvini: «Zona rossa in Lombardia? Siamo davanti ad un sequestro di massa»

Un nuovo capitolo nella saga sulla zona rossa tra Regione e Governo. Spunta l'ipotesi di un errore di invio...

Passi avanti nella trattativa tra Inter, Milan e Comune di Milano per il rinnovo della concessione dello stadio Meazza. Dopo mesi di tira e molla, sembra che i club abbiano pronta una proposta per riqualificare l’impianto. Il progetto sarà da presentare a Palazzo Marino con la richiesta di «un montante di volumetrie private superiore rispetto a quanto previsto oggi per le Grandi funzioni urbane».

Era stata la stessa Amministrazione a sollecitare alle due società una posizione chiara sulla questione. Nei piani di Inter e Milan il progetto – secondo quanto raccolto in anteprima dall’agenzia Ansa – sarà «innovativo e in grado di riqualificare tutta l’area nell’interesse della città». L’obiettivo delle due società, dopo il confronto con gli uffici tecnici del Comune, è quello di valorizzare non solo lo stadio, ma tutta l’area di riferimento, per coniugare sport, socialità, innovazione, divertimento, e un’ampia gamma di servizi.

La richiesta di volumetrie private superiore rispetto a quanto previsto oggi è comunque una condizione essenziale per Inter e Milan al fine di garantire un corretto equilibrio economico finanziario. Diversamente, si avrebbero nuovamente i già noti problemi legati al canone che oggi le società corrispondono al Comune per l’utilizzo dello stadio.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Covid, lo sfogo di Balotelli: «Questa è una gestione onesta? L’Italia sta degradando per colpa di pochi»

Il "bad boy" del calcio italiano Mario Balotelli non è solito esprimere giudizi sulla società e sulla politica, ma...

Potrebbe interessarti