7.7 C
Milano
24. 01. 2022 14:37

Non solo Salone: ecco cosa offre Milano durante la settimana

Otto modi di vivere Milano questa settimana, anche oltre il design

Più letti

BOLLE PER IL DUOMO
L’étoile e la manifestazione di beneficenza per chiudere l’Estate Sforzesca

L’ultimo capitolo dell’Estate Sforzesca, la rassegna di spettacoli del Comune di Milano, avrà come protagonista Roberto Bolle e la sua danza. L’evento dal titolo L’Opera Meravigliosa. Roberto Bolle per il Duomo di Milano andrà in martedì nel cortile delle Armi del Castello. L’iniziativa è sponsorizzata da Intesa Sanpaolo e si propone di raccogliere i fondi in favore della Veneranda Fabbrica del Duomo per il restauro della guglia maggiore – su cui è posizionata la Madonnina – e di sei statue che ornano i finestroni del Tiburio.

L’étoile porterà a Milano una serata di grande danza e momenti musicali: le sue performance lo vedranno alternarsi e salire sul palco da solo e accompagnato da partner di tutto il mondo. Il ricavato della vendita dei biglietti contribuirà a finanziane i lavori e in questa occasione verrà attivata anche una raccolta fondi dedicata su For Funding, la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo. L’obiettivo della raccolta è raggiungere 500mila euro da destinare alla prima tranche di lavori, parte di un progetto più ampio che prevede il consolidamento di due dei 6 pilastri che sorreggono la guglia della Madonnina e il restauro di 48 statue posizionate a livello dei finestroni del Tiburio.

Lo spettacolo, di produzione ArteDanza, avrà una durata di 90 minuti. La serata che chiude la nona edizione dell’Estate Sforzesca oltre alla performance dal vivo comprenderà anche la proiezione di un video appositamente realizzato per l’evento, durante il quale Bolle ripercorre la storia della Cattedrale del Duomo di Milano attraverso una visita guidata nella sua stanza dei tesori, il Grande Museo del Duomo.

Lo scopo è testimoniare l’impegno della Veneranda Fabbrica per l’edificazione e la cura del monumento, fin dalla sua istituzione nel 1387, ai giorni nostri, reso possibile per il contributo di tutta la popolazione milanese.

Martedì 7 settembre alle 21.00
Castello Sforzesco, Cortile delle Armi
Biglietti: 30 euro su mailticket.it
Info: robertobolle.com
Facebook: @estatesforzesca

GLI ARTIGIANI DEL CIBO
Ha aperto i battenti il Mercato Centrale, c’è anche il ristorante di Bastianich

Due piani, 32 botteghe, poi incontri, presentazioni, uno Spazio Fare e tanti artigiani. Ha aperto a Milano il Mercato Centrale, all’interno della stazione. Perciò anche il periodo del Salone del Mobile può essere un ottimo momento per far visita al marcato appena inaugurato. Dopo Firenze, Roma e Torino l’idea è arrivata anche al capoluogo meneghino. Il fil rouge dell’iniziativa è ancora una volta il buon cibo, riportando al centro gli artigiani del gusto e il loro saper fare, rendendo la semplicità il punto di forza.

Tre gli obiettivi dell’iniziativa: restituire centralità alla figura degli artigiani e dei loro prodotti. Restituire alla città un luogo importante e una ideale piazza della bontà. Creare, produrre e condividere momenti ed eventi culturali. Alla base ci sono l’attenzione verso il cliente, verso il territorio, verso l’ambiente. Poi la cura dell’artigianalità, dell’esperienza, della tradizione. Ma anche l’informazione sui prodotti, sulle loro caratteristiche, sulla loro origine e lavorazione. Mantenendo sempre il focus sulla qualità. Al fianco dell’alimentazione verranno portate avanti iniziative culturali, eventi, progetti artistici e verrà avviato anche il laboratorio radiofonico di Alessio Bertallot.

Tra i locali presenti al Mercato Centrale di Milano L’american barbecue di Joe Bastianich, Il cocktail bar di Flavio Angiolillo, L’enoteca Tannico e La pasta fresca della Famiglia Michelis.

Via Sammartini/piazza IV novembre, Milano
Info: http://mercatocentrale.it/milanomercatocentrale.it/milano
Facebook: @mercatocentralemilano

A BAM CON LAVERDI E BOLLANI
Questa sera uno degli eventi clou della stagione: torna Back to the City Concert

«BAM è un luogo di incontro, ha l’aggregazione come missione, ancora più significativa nel periodo storico che stiamo vivendo: la missione di ricostruire le relazioni. Questo concerto ha una grande forza simbolica: segna la fine dell’estate e il ritorno in città, l’inizio dell’anno scolastico, degli impegni lavorativi, della relazione con la cultura».

Così Filippo Del Corno, assessore alla cultura del comune di Milano nell’ambito della presentazione di Back to the City Concert, uno degli appuntamenti di spicco del palinsesto culturale che Fondazione Riccardo Catella – BAM offre ai milanesi e che questa sera alle 20.30, per il terzo anno consecutivo, darà modo a tutti coloro che lo desiderano di godere di un’offerta musicale di straordinaria qualità.

Nell’area Cedri di BAM il pubblico, comodamente seduto o sdraiato sull’erba di fronte al palco, potrà ascoltare un repertorio di musica classica e jazz che chiude idealmente la trilogia delle tre grandi orchestre meneghine, iniziata nel 2019 con la Filarmonica della Scala e proseguita nel 2020 con i Pomeriggi Musicali con la Nona di Beethoven. Stasera sarà il turno dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, diretta da Paolo Silvestri, con special guest il pianista e compositore Stefano Bollani.

Partendo da una delle più famose composizioni di George Gershwin, Rhapsody in Blue, Stefano Bollani e i 55 elementi de laVerdi eseguiranno Concerto azzurro, omaggio dell’artista al quinto chakra, azzurro appunto, quello della gola e dell’espressione creativa. L’opera, nata dall’incontro tra Bollani e il direttore d’orchestra Kristjan Järvi, è un inno a dare voce al proprio io e a quello degli altri, alla comunicazione di se stessi e a quella fra i popoli.

Chiuderà la serata l’esecuzione di A Rose Among Thorns di Ennio Morricone, tratta dall’indimenticabile colonna sonora di The Mission. Il concerto è gratuito e aperto a tutti previa prenotazione sul sito di BAM, ma il sofisticato impianto audio del palco renderà possibile ascoltare il concerto passeggiando liberamente in tutto il parco.

Stasera alle 20.30
BAM – Biblioteca degli Alberi
Ingresso libero previa prenotazione su bam.milano.it
Instagram: @bam.milano

DIETRO LE QUINTE
L’Arcimboldi apre alle visite dei suoi camerini

Tam, Teatro Arcimboldi Milano, apre tutte le sue porte al pubblico. Fino al 10 settembre – proprio in concomitanza con il Salone del Mobile – si potrà entrare nel luogo privato degli artisti, il camerino, dove avviene la trasformazione dell’attore. Il luogo in cui l’artista diventa il suo personaggio.

Dopo 3 mesi di lavori estivi, è nato Vietato l’Ingresso, i luoghi segreti dove nasce la magia. È il progetto inedito che vede diciassette grandi studi di progettazione e di design dare nuova vita ai diciassette camerini del Tam. Il pubblico potrà poi diventare non solo spettatore, ma anche protagonista del progetto proposto dal teatro. Infatti, contestualmente alla visita, verrà dato l’avvio delle votazioni online.

Le votazioni proclameranno lo studio vincitore che riceverà l’incarico di ristrutturare il “Camerino Muti”, il principale camerino del teatro: i 40 metri quadrati che hanno ospitato e ospiteranno le più grandi star dello show business nazionale e internazionale.

Fino al 10 settembre
Teatro degli Arcimboldi
Viale dell’Innovazione 20, Milano
Info: teatroarcimboldi.it
Facebook: @teatroarcimboldimilano

STREET FOOD AGLI SGOCCIOLI
All’Idroscalo, fino a mezzanotte, la rassegna per scoprire cibo di strada e birre artigianali

Riscoprire i sapori genuini dei prodotti poveri. Tante botteghe artigianali su ruote fanno parte della carovana di International Street Food, il salotto del gusto che fino alla mezzanotte di questa sera è all’Idroscalo.

I protagonisti sono 30 truck botteghe, vere trattorie su ruote, che diffondono il piacere del cibo di strada. Impastano, friggono, bollono, infornano, arrostiscono come se fossero tra le mura dei loro laboratori d’origine mantenendo così la passione per la buona cucina. Oltre allo street food con i cibi del mondo non manca la birra artigianale di microbirrifici. Il tutto nel pieno rispetto delle regole anticovid. L’ingresso è gratuito.

Fino a mezzanotte
Porta maggiore – Buca ovest
Via Circonvallazione Idroscalo, Segrate (Mi)
Info: 347.5792556
Facebook: @ilsalottodelgustostreetfood

ILLUSIONI POST LOCKDOWN
C’è ancora tempo per visitare il labirinto dello Spazio Leonardo

Un labirinto invisibile che vuole essere una sfida post lockdown e rappresentare un intreccio di relazioni. Allo Spazio Leonardo è in programmazione fino al 10 settembre Il labirinto invisibile. L’installazione è ideata dal coreografo Riccardo Buscarini e dall’artista Francesca Lando. In mostra ci sono una serie di riflessioni sulla socialità: che traccia hanno lasciato le restrizioni e il distanziamento sociale degli ultimi tempi sul modo in cui ci relazioniamo gli uni agli altri e come ci stiamo adattando a questi cambiamenti?

Fino al 10 settembre, dalle 9.00 alle 18.00
Spazio Leonardo
Viale della Liberazione 16/a, Milano
Prenotazioni: direzione.artistica@spazio-leonardo.it.
Facebook: @leonardoassicurazioni

IL RITORNO DI M¥SS KETA
La ragazza di Porta Venezia in arrivo al Carroponte

Torna sul palco della sua città con una formazione del tutto inedita. M¥SS Keta sarà al Carroponte il prossimo 9 settembre. Ad accompagnarla la band Dpcm, formazione strumentale composta da L I M al basso, Giungla alla chitarra e Danila Guglielmi alla batteria elettronica. Lo show sarà l’occasione per presentare per la prima volta dal vivo alcuni brani dei suoi ultimi due lavori discografici: Il cielo non è un limite, il disco uscito a fine 2020 che celebrava l’aria durante il lockdown e Lato B, il lavoro uscito lo scorso aprile che ha inaugurato il sodalizio tra la cantante e la band Dpcm. A completare lo spettacolo i brani storici e i più grandi successi di M¥SS Keta.

Giovedì 9 settembre alle 21.00
Carroponte
Via Luigi Granelli 1, Sesto San Giovanni (Mi)
Biglietti: da 24,84 euro su dice.fm
Instagram: @carroponteofficial

E SKY SI FA IN TRE
Un nuovo punto vendita in corso XXII Marzo

Un nuovo negozio per scoprire interamente il mondo Sky, fatto di contenuti, tecnologia e connettività. Dallo scorso 1° settembre ha aperto i battenti il terzo punto vendita milanese, in corso XXII Marzo 5 all’angolo con via Cellini. Negozio che si affianca a quelli già presenti in corso Buenos Aires 22 e in corso Vercelli 12.

L’obiettivo del progetto in espansione e sempre più capillare di Sky, che oggi conta 13 negozi in 8 regioni italiane, è quello di essere vicini ai clienti e a tutti coloro che si vogliono avvicinare a questo mondo.

Anche nel nuovo punto vendita il design e il progetto architettonico sono stati sviluppati da Il Prisma, società internazionale di architettura e design. Negli spazi tematici dei negozi Sky è possibile testare le performance della connessione di Sky Wifi, attraverso le esperienze di gaming ad alte prestazioni, ma anche con i contenuti, le produzioni di Sky e l’esperienza di visione di Sky Q.

I già abbonati troveranno anche il Customer Hub, area dedicata all’assistenza specializzata, per dialogare con i consulenti Sky. Il più grande tra i negozi milanesi è quello di corso Vercelli, pensato come un grande open space suddiviso in spazi tematici e postazioni dedicate, e con una cascata di tubi di luce che scendono dal soffitto, a richiamare l’esperienza di Sky Wifi e far vivere l’esperienza a 360 gradi.

 

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...