Profumi di stagione da Lo gnomo gelato a Pagano

Non credete a chi dice che il gelato si mangia solo d’estate. Anche l’autunno è perfetto per il gelato a patto che scegliate la gelateria giusto e il gusto adatto alla stagione. A Lo gnomo gelato, in via Francesco Cherubini 3 (zona Pagano), il mascarpone lombardo con composta artigianale di fichi neri caramellati è sicuramente uno dei preferiti di questa stagione. Anche i cioccolati, tutti Valrhona e molti monorigine, sono perfetti per l’autunno: dal bianco Opalys con crema di noci pecan a quello al latte realizzato con una monorigine ecuadoregna passando per i fondenti, un 68% monorigine Repubblica Dominicana e un 85% monorigine Venezuela, ai quali si aggiungono la crema gianduia con cioccolato e nocciole piemontesi e quello alla Nutella originale.

NESSUN SEMILAVORATO • Tutti i gelati sono opera di Andrea – autodidatta della professione – e Francesca che a Lo Gnomo ha cominciato come banconista. L’uno è la tecnica e l’altra la creatività. A Marco, il terzo socio della gelateria nonché compagno di Francesca che si occupa anche dei semifreddi e della biscotteria, tocca invece darsi da fare nell’organizzazione. Tutti e tre insieme, però, scelgono gli ingredienti, tutti di qualità e nessun semilavorato perché per fare un buon gelato occorre partire dalla materia prima. Così a diventare gelato sono latte e yogurt fresco, bacche di vaniglia Bourbon del Madagascar, nocciole del Piemonte, pistacchio di Bronte Dop e caffè miscela “bar” della torrefazione Vercelli, uvetta biologica, liquirizia Dop di Calabria Amarelli di Rossano Calabro, frutta fresca a chilometro zero – eccezion fatta per quella esotica – e zucchero italiano.

Lo gnomo gelato

Via Cherubini 3, Milano

Da lunedì a venerdì

dalle 12.00 alle 22.00,

sabato e domenica dalle 11.00

Info: 02.48.18.134

—-

Il Mexican 75 del Dry Milano

È di Federico Volpe, ex barmanager di Carlo e Camilla in Segheria e ora al bancone di Dry Milano in via Vittoria Veneto, il cocktail della settimana. Il Mexican 75 è una variazione del French 75, classico cocktail a base di champagne la cui ricetta è apparsa per la prima volta nel 1930. Nella versione di Volpe del Mexican 75 la tequila è infusa con pigne bruciate e c’è l’utilizzo di chayote, una via di mezzo tra una zucchina e un cetriolo messicano, e kumquat, una varietà di mandarino cinese. MC

Gli ingredienti

40 ml di tequila infusa con pigne bruciate 10 ml di chayote e Kumquat

1 cucchiaio di chutney di pompelmo e miele

30 ml di spremuta di lime

Top di Champagne ai fiori

Profumo di Rosa e Orange Blossom

La ricetta

Fai una cottura al barbecue delle pigne, mettile in infusione a freddo sottovuoto con la tequila. Per il succo di chayote e kumquat: cuoci il chayote e fanne una centrifuga insieme al kumquat per ricavarne il succo. Per il chutney di pompelmo, usa pompelmo fresco e gli oli essenziali della buccia del frutto miscelati con lo zucchero e un cucchiaino di miele, per dargli quel profumo in più. Spezia con semi di senape. Riempi lo shaker di ghiaccio, versa gli ingredienti, agita e versa in una flûte. Aggiungi champagne aromatizzato con fiori di sambuco. Al Dry Milano, Federico Volpe lo completa spruzzando profumo di rose e fiori d’arancio homemade.