2.5 C
Milano
19. 01. 2021 22:55

Cenone di Capodanno: ecco come evitare il contagio

Distanziamento e niente abbracci e cin cin: le regole per il cenone di Capodanno

Più letti

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

L’igienista del San Raffaele di Milano, Carlo Signorelli, ha stilato un decalogo da seguire per evitare il contagio durante il cenone di Capodanno. Ecco tutte le regole

  1. Distanza. Distanziare i posti a tavola di 1,5 metri: parlando e ridendo un solo metro potrebbe non bastare. Se serve disporre i posti a scacchiera. Usare altri tavolini se il tavolo grande non basta o mangiare seduti sul divano.
  2. Abbracci. Da liminare completamente, sono a forte rischio contagio.
  3. Bicchieri. Prestare molta attenzione a non scambiarli. Non fare cin cin con i bicchieri dai quali si è già bevuto. Se si mangia in piedi e si poggiano i bicchieri qua e là, usare un’etichetta con il nome. Consiglio valido soprattutto per i bambini. Lo stesso vale per i tovaglioli. Si possono usare quelli di carta con colori diversi.
  4. Piatti. Non vanno scambiati. Andrebbero evitati anche quelli comuni. Se è proprio necessario, usare una posata ad hoc, che non entri in contatto con i piatti dei commensali.
  5. Posate. Non condividerle, non usare le proprie posate per prendere il cibo dal piatto di un altro, non mangiare il cibo che è stato preso con le posate di un altro, se non dopo averlo riscaldato a 60 gradi.
  6. Avanzi. Se provengono dai piatti degli altri, o se sono stati a lungo sulla tavola scoperti, esposti alle goccioline, è meglio ricuocerli. Per uccidere virus e batteri servono 60 gradi.
  7. Telefono. Evitare gli auguri telefonici in comune, in cui ci si passa l’apparecchio. Se è proprio necessario farlo, pulire l’apparecchio con un fazzoletto oppure utilizzare il vivavoce.
  8. Canti . Meglio abolirli: cantare è un’attività che fa emettere molte goccioline e le fa arrivare lontano.
  9. Asciugamani. Se un ospite si trattiene per la notte è bene fornirgli una salvietta personale.
  10. Finestre. È importante far cambiare aria, in quanto il virus potrebbe accumularsi sotto forma di aerosol. Se fa molto freddo, basta lasciare un filo di finestra aperto per la durata del pranzo evitando di fare corrente.

 

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti