6 C
Milano
16. 01. 2021 15:59

Lo chef La Mantia chiude il ristorante di piazza Risorgimento: «Spero non sia un addio, ma un arrivederci»

Lo chef La Mantia chiude il suo celebre ristorante: un addio che sa di arrivederci

Più letti

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Milano, paura per i lavoratori di Amazon: in fiamme il capannone

Ieri sera intorno alle 21 un capannone di produzione e stoccaggio di monopattini, adiacente a quello di Amazon Prime,...

Milano, un’altra scena di follia: si rifiuta di indossare la mascherina e colpisce un poliziotto

Un uomo ha aggredito un agente semplicemente per esser stato richiamato, in quanto non indossava la mascherina. La folle...

Come già annunciato nei mesi scorsi con la fine dell’anno il ristorante “Oste e Cuoco” in piazza Risorgimento a Milano chiuderà definitivamente ai battenti. Lo chef Filippo La Mantia ha pubblicato sui propri profili social una lettera per ringraziare i colleghi e i tanti milanesi che lo hanno sostenuto in questi anni di attività.

Il post.  «La pandemia ha portato via tantissime vite, cose, energie e lavoro – scrive La Mantia -. Ma noi ci siamo rimboccati le maniche e, salute permettendo, abbiamo investito in protezione e sicurezza per essere presenti nei mesi in cui si poteva aprire; se da un lato, abbiamo incrociato l’angoscia, dall’altro abbiamo conosciuto sguardi che forse prima non notavamo per chè attratti dai sorrisi. Ora scopro sguardi che emergono da una mascherina che vuole proteggere noi e gli altri. Sguardi di affetto e di protezione, anche per me».

Tuttavia gli investimenti fatti in protezione e sicurezza non sono serviti a salvare l’attività. «Ma nonostante il vostro grande e costante supporto, non riesco a portare avanti un’attività così importante e complessa -prosegue lo chef -, che ci nutriva e si nutriva di eventi, cene private e grandissimi e affollatissimi buffet domenicali. Come forse già sapete, ho perciò deciso di chiudere l’attività. Questo per fortuna un addio, ma solo un arrivederci a presto».

Infine la promessa di La Mantia ai milanesi: «Ci ritroveremo in un altro luogo, sempre a Milano».

 

In breve

Milano, un anno di inciviltà tra frigoriferi e copertoni abbandonati

Il 2020 oltre per la pandemia, si è contraddistinto anche per l'inciviltà di alcuni cittadini. Da gennaio a dicembre...

Potrebbe interessarti