9.7 C
Milano
04. 03. 2024 03:39

Golosaria 2023: la tradizione è innovazione

Al via domani al MiCo la manifestazione che punta a rappresentare un mondo gastronomico in continua evoluzione

Più letti

Ricorrenze speciali per Golosaria che si appresta ad aprire i battenti da domani a lunedì all’Allianz MiCo – Fieramilanocity. La rassegna ideata da Paolo Massobrio e Marco Gatti arriva quest’anno al traguardo del 18esimo compleanno e, contemporaneamente, festeggia la 25esima edizione de IlGolosario, la guida di mille pagine che raccoglie produttori, negozi e cantine di tutta Italia che costituiscono il cuore della rassegna.

Al via al MiCo domani la 25esima edizione di Golosaria

Il tema dell’evento di quest’anno si intitola “La tradizione è innovazione” (ma anche viceversa) e vuol rappresentare un mondo, come quello enogastronomico, in continuo movimento. «Il detto secondo cui la tradizione è un’innovazione ben riuscita nasconde una verità storica. La tradizione infatti non è mai qualcosa di fermo o di museale, ma piuttosto un fattore in continuo movimento che trae dal passato ciò che è ancora attuale oggi – spiega il fondatore Paolo Massobrio -. Per questo il tema di Golosaria 2023 “La tradizione è innovazione”, che può essere ribaltato invertendo i fattori, dice che i produttori che hanno custodito la nostra grande biodiversità sono innovatori perché sanno rendere contemporaneo un consumo, sempre più consapevole. Nulla si inventa, tutto si ricrea, che è un altro modo per dire la medesima cosa: la terra è il laboratorio dove tutto questo avviene. Ecco perché merita d’essere rispettata».

Quattro le aree per scovare e conoscere bontà da tutta Italia. La prima quella del Food che comprende il palco dell’Agorà, la sala degli show cooking e poi gli espositori provenienti da ogni parte d’Italia. E Golosaria si conferma come la casa dei territori italiani che hanno scelto questa tre giorni per mettersi in mostra: le Regioni Lombardia, Calabria, Liguria, Friuli Venezia Giulia e la Regione Siciliana. La seconda area sarà quella del Wine (120 cantine) con la partecipazione di quei produttori che hanno ottenuto il riconoscimento del Top Hundred che quest’anno si sdoppia: 100 cantine nuove e 100 cantine storiche con un nuovo vino premiato rispetto a quello delle 21 edizioni precedenti. La terza area sarà quella del Mixo, ovvero la mixology, che dopo il successo dello scorso anno, si conferma, rinnovata e ampliata, curata dai bartender di Milano Bartender Community: una grande piazza su cui si affacciano gli Stand dei brand italiani protagonisti nel mondo e le realtà artigianali.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Ci sarà anche un’area Mixo Events dove approfondire le tendenze che caratterizzano il settore con 13 incontri tematici su gin, amari, vermouth e whisky italiani. E ovviamente il Cocktail Bar di Golosaria, fornito con gli spirits della fiera e con una drink list speciale. Infine la quarta area, dedicata alla Cucina di strada, con dodici espressioni che racconteranno la cucina italiana partendo proprio dalla filiera agricola: l’ennesima conferma di come l’innovazione debba per forza discendere da una tradizione. Per info e biglietti golosaria.it.

 

La carica delle migliori tavole
Nuova edizione per ilGolosario Ristoranti

Debutta a Golosaria Milano l’edizione 2024 de ilGolosario Ristoranti, la guida alle migliori tavole d’Italia firmata da Paolo Massobrio e Marco Gatti giunta quest’anno alla sua nona edizione, che cambia formato. Sono oltre 4.100 i locali segnalati fra ristoranti, trattorie, pizzerie, aziende agrituristiche e locali di tendenza dove concedersi una sosta piena di soddisfazione, secondo le indicazioni e i consigli di una squadra di oltre 90 collaboratori sparsi lungo tutta la Penisola. Nei testi appaiono altresì 93 locali con un fondino grigio che evidenziano il pranzo dell’anno in quella regione o città capoluogo. Nel complesso sono 534 le Corone e 1.012 i Faccini Radiosi, mentre la Corona Radiosa Rossa, che indica la tavola assoluta in una direzione contemporanea, in questa edizione è stata assegnata a 5 locali, uno per le principali categorie: per la categoria Ristoranti, il Villadorata di Noto; per la categoria Trattorie di lusso, lo Stuzzichino di Massa Lubrense; per la categoria Trattorie, Zuffetti di Ricengo; per la categoria Pizzerie, Salvo a Napoli; per la categoria Aziende Agrituristiche, il Polisena “L’Altro Agriturismo” Veg di Pontida.

Spazio ai migliori 100 vini d’Italia

Tra gli eventi più attesi di Golosaria c’è sempre la proclamazione dei Top Hundred, ovvero i 100 migliori vini d’Italia. Quest’anno cento saranno le novità assolute e altrettante le cantine già premiate negli anni precedenti, ma con la scommessa di esserci con un vino diverso da quello delle edizioni passate: le Top Storiche. Il quadro enoico quest’anno vede l’affermazione del Piemonte con ben 21 etichette premiate fra le novità e 14 fra le storiche; a seguire la Toscana (13 novità e 14 storiche). Buona anche l’attenzione alla Lombardia (7 e 11), mentre le sorprese arrivano dall’Umbria con ben 6 cantine novità e 1 storica e dall’Abruzzo (2 e 6). E come sempre è la Sardegna la regione più dinamica anche quest’anno con 5 novità e 2 storiche.

 

Golosaria Milano 2023
MiCo – Fieramilanocity
Viale Eginardo angolo Via Colleoni, Milano

Sabato 4 novembre, dalle 12.00 alle 22.00
Domenica 5 novembre, dalle 10.00 alle 20.00
Lunedì 6 novembre, dalle 10.00 alle 17.00
Biglietti online o in loco
golosaria.it

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A