13.8 C
Milano
10. 04. 2021 14:32

Arese, perché uno skidome?

Più letti

Fontana: «Faremo un’estate da liberi. Entro domani prima dose di vaccino a tutti gli over 80»

«Quando saremo fuori bisogna chiederlo ai medici, ma questa estate, entro luglio, sempre che arrivino i vaccini, saremo messi...

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

Uno skidome a due passi da Milano. così per sciare al chiuso non ci sarà bisogno di andare per forza a Dubai. La pista al coperto potrebbe nascere ad Arese, alle porte del capoluogo lombardo, nell’area dell’ex Alfa Romeo dove è aperto uno dei centri commerciali più grandi dello Stivale.

RIQUALIFICAZIONE • Il progetto della pista da sci indoor era stato presentato dal Gruppo Finiper, proprietario dell’area, già nel 2016 e porta la firma dell’archistar Michele De Lucchi: 350 metri di lunghezza, 60 di larghezza e altezza, una arena per gli sport invernali da quasi 2 milioni di metri quadrati, con tanto di zona ristorazione e hotel. Tutto “sulle ceneri” di una delle fabbriche che hanno fatto la storia del nostro Paese come di Milano e della Lombardia, completando così la riqualificazione di tutta l’area. Se ne è tornato a parlare in questi giorni perché, dopo mesi di stallo, si è di nuovo riunita la segretaria tecnico di Regione Lombardia, il gruppo di lavori che si sta occupando dell’analisi del progetto, alla presenza dei sindaci dei Comuni coinvolti in questo ambizioso piano di trasformazione urbanistica: per Arese Michela Palestra, per Lainate Alberto Landonio e infine per Garbagnate Milanese Davide Barletta.

VECCHIA IDEA • L’idea di uno skidome ha di fatto spazzato via dalle carte il lotto residenziale previsto nell’accordo di programma del lontano 2012. Al posto delle palazzine ora la proposta è che sorga questa maxi struttura dedicata agli sport invernali, come quella di Dubai. Secondo le ultime indiscrezioni, il progetto è tornato sotto la lente dei tecnici della Regione perché si vuole raggiungere una quadra nel più breve tempo possibile. «Questa accelerazione può avere un valore solo se significa portare tutte quelle risposte che i territori chiedono in termini di inquinamento, trasporto pubblico, di ricadute in termini di sviluppo per i Comuni e per il territorio. Senza questi elementi la fretta non è per noi accettabile», le dichiarazioni del primo cittadino di Arese, Michele Palestra.

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...