17.9 C
Milano
27. 02. 2021 15:54

Corsico, pirata della strada travolge una coppia e poi scappa

L'episodio è accaduto ieri sera dopo le 22: il dolore del figlio in un lungo post

Più letti

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Sala annuncia la terza ondata: «Diciamoci la verità: certi comportamenti potevamo evitarli»

Il sindaco Sala ha lanciato un video messaggio per invitare i milanesi alla prudenza e a mantenere un comportamento...

Ieri sera a Corsico intorno alle 22,40 un pirata della strada a bordo di una Bmw, dopo non essersi fermato ad uno stop, ha travolto a tutta velocità un’auto: a bordo un uomo di 60 anni e la moglie di 59 anni.  Il folle autista è poi scappato via, lasciando lì l’auto incidentata e senza prestare soccorso.

La vicenda. Sul posto sono arrivate immediatamente due ambulanze, ma purtroppo per l’uomo, trasportato all’Humanitas di Rozzano, non c’è stato nulla da fare. La moglie è anch’essa in gravi condizioni, ma per fortuna non è in pericolo della vita.

Al momento si cerca di risalire al pirata della strada, anche se purtroppo la mancanza di videocamere di sorveglianza nella zona rende le indagini più difficili.

Il figlio della coppia ha lasciato alla propria pagina Facebook uno straziante sfogo per l’accaduto: «La cosa ancora più disumana – scrive ipotizzando fossero due persone – e che questo è scappato via insieme al suo amico abbandonando la sua auto lì senza chiamare soccorsi. Vedere mio padre lì morto, dopo che avevamo passato una breve serata giusto per fare gli auguri per il compleanno del suo nipote, non è normale tutto questo l’essere umano fa schifo è un mondo pieno di gente che non merita di starci!»

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...