10.2 C
Milano
26. 02. 2021 02:04

Piazza Trento, il restyling che non piace al Municipio 5: ancora uno stop al progetto

La Direzione Urbanistica del Comune stoppa per la seconda volta il progetto di riqualificazione della piazza: i motivi

Più letti

Bollettino regionale: oltre quattromila positivi, tasso in rialzo all’8,6%

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.243, di cui 200 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Comunali, la data delle elezioni a Milano è quasi certa: ecco quando

Secondo quanto appreso da Affaritaliani.it la data delle prossime comunali a Milano dovrebbe essere ormai ufficiale: i milanesi andranno...

Acquisto vaccini, Burioni attacca la funzionaria italiana: «Si occupava di pesca e agricoltura»

Il virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele, Roberto Burioni, attacca attraverso un consueto tweet la dott.ssa Sandra Gallina, la funzionaria...

Piazza Trento è al centro di riqualificazione dei progetti dello ex scalo ferroviario di Porta Romana. Il suo restyling dovrebbe essere completato in vista delle Olimpiadi di Milano-Cortina diventando così un nuovo polo attrativo nell’area sud della metropoli milanese. Tuttavia il progetto fin dall’inizo ha incontrato la resistenza dei consiglieri del Municipio 5. Così dopo la bocciatura del primo progetto di riqualificazione di Piazza Trento e dalla parte iniziale di Via Crema, anche il secondo trova la sospensione.

La situazione. La Direzione Urbanistica del Comune ha comunicato lo stop al procedimento dopo aver preso in esame e avvallato le posizioni espresse dalla Commissione del Municipio 5.  I punti critici che vengono sottolineati nella valutazione, come sottolinea in un lungo post su Facebook il consigliere Bramati,  sono i seguenti:

  •  una sostanziale differenza tra la qualità e la visione complessiva del progetto relativo al nuovo complesso immobiliare privato e la progettualità delle opere di riqualificazione dello spazio pubblico;
  • non è contemplata la previsione indicata dal PGT di una rigenerazione dello spazio pubblico che consenta la permeabilità dall’ambito più periferico dell’ex scalo ferroviario e l’ambito più centrale che diparte da Via Crema anche mediante superamento e scavalco ciclo-pedonale della barriera costituita dal tratto di circonvallazione esterna di viale Isonzo;
  •  non è giustificata la scelta di introduzione della ZTL e la qualificazione di una viabilità solo locale, necessitando ulteriori approfondimenti, anche da parte di AMAT, sulle eventuali ripercussioni alla viabilità di contorno;
  •  non si condivide la scelta progettuale che prevede l’eliminazione di n. 203 posti di sosta esistenti nell’ambito di progetto, non emergendo la previsione di alcuna collocazione alternativa.

 

In breve

Acquisto vaccini, Burioni attacca la funzionaria italiana: «Si occupava di pesca e agricoltura»

Il virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele, Roberto Burioni, attacca attraverso un consueto tweet la dott.ssa Sandra Gallina, la funzionaria...