10.1 C
Milano
26. 11. 2020 15:42

Milano, le porte degli asili non riaprono per tutti: la situazione in via Castellino da Castello

Domani 7 settembre riaprono gli asili, ma ci saranno alcune eccezioni: il caso di via Castellino da Castello

Più letti

Salone del Mobile 2021 si farà dal 5 al 10 settembre

La sessantesima edizione del Salone del Mobile di Milano in programma nel 2021 si svolgerà dal 5 al 10...

Movida Delivery, dalla colazione al “buio” al panettone stellato

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione...

Vegas Jones: «Con Scena Unita diamo quello che abbiamo ricevuto»

Dopo aver lanciato i singoli estivi 12-0 PM e Plug, Vegas Jones torna con un EP molto vicino al...

Domani riapriranno gli asili a Milano, ma non per tutti. Nella giornata di venerdì i genitori dei bambini della scuola dell’infanzia di via Castellino da Castello hanno ricevuto una telefonata dal sapore amaro: i loro figli non potranno rientrare in aula perché i lavori di manutenzione dello stabile non sono ancora terminati.

I fatti.  «A qualcuno la chiamata non è neppure arrivata – spiega una mamma -, molti genitori lo hanno saputo solo dalla chat di classe». Così al momento c’è un grande punto di domanda sul futuro di tre sezioni composte da ben 50 bambini.

Dal Comune fanno sapere che i lavori non termineranno prima di novembre. Sono così in molti i genitori a chiedersi se non si potesse adottare delle soluzioni alternative per tempo, come ad esempio i moduli temporanei che verranno utilizzati in alcune scuole elementari.

Secondo le indiscrezioni i 50 bambini dovrebbero essere trasferiti nei prossimi giorni in un vecchio stabile Aler in via Grigna. Tuttavia anche qui i lavori da concludere per garantire la sicurezza dell’edificio sono numerosi: dall’ingresso alle parti comuni, con il ripristino di porzioni di intonaco e l’imbiancatura, dalla sistemazione dei bagni e del controsoffitto alla revisione degli infissi. Da Palazzo Marino promettono che per il 14 settembre gli spazi saranno pronti. Per le famiglie non sarà facile gestire questa ulteriore settima senza asilo.

Nidi e materne, è tempo di decidere

I camici spaziali. Ad accendere le proteste non sono solo i ritardi, ma anche i cosiddetti “camici spaziali” che gli educatori sono costretti ad indossare. «Non solo sono scomodi per noi e per lo svolgimento delle attività – commenta un’educatrice – ma i bimbi che accogliamo per la prima volta, dopo mesi di lockdown, cosa penseranno? Non siamo un reparto Covid».

 

 

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Sesto, l’Heineken pronta a licenziare i dipendenti dello stabilimento milanese

La Heineken, la multinazionale olandese produttrice di birra, ha annunciato una nuova serie di tagli al personale. Tra questi...

Movida Delivery, dalla colazione al “buio” al panettone stellato

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. COLAZIONE...

Vegas Jones: «Con Scena Unita diamo quello che abbiamo ricevuto»

Dopo aver lanciato i singoli estivi 12-0 PM e Plug, Vegas Jones torna con un EP molto vicino al mondo delle corse automobilistiche, usato...

La stagione del Menotti non si ferma: i prossimi appuntamenti in streaming

Il Capitolo 2 della stagione del Teatro Menotti chiamato Fragili come la terra andrà in scena in diretta streaming a partire da stasera. Questa...

Sala: «La pandemia non è un’opportunità, ma abbiamo l’obbligo di cambiare»

Il sindaco Sala è intervenuto al Jenne Caffè di Legacoop Lombardia per parlare delle sfide che attendono la città di Milano da qui ai...

Potrebbe interessarti