19.5 C
Milano
16. 06. 2024 11:04

Due negozi da affittare in Galleria Vittorio Emanuele II: via ai bandi, ecco quanto chiede il Comune

Negozi da sfruttare «in verticale»

Più letti

Il Comune di Milano, illuminato dallo splendore monumentale della Galleria Vittorio Emanuele, la stessa imbrattata qualche giorno fa da dei writer, lancia due sfide ardite per la concessione di spazi all’interno di questa meraviglia architettonica. Il primo incanto svela due negozi che si ergono tra piazza della Scala, via Marino e via Foscolo. Attualmente conosciuti come “Piumelli” e “Montblanc“, questi gioielli di vitro architettonico saranno offerti in uso per un periodo di 18 anni.

La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano
La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

Galleria Vittorio Emanuele II, il Comune indice due bandi per trovare affittuari per due negozi

Il primo negozio, coraggiosamente esteso su 134 metri quadrati, avrà un canone annuale di base d’asta pari a 388mila euro. Il secondo, una maestosa dimensione di 290 metri quadri, richiederà un canone annuale di 840mila euro per il suo possesso. Queste due nuove perle commerciali supereranno la grandiosità delle loro controparti attuali, poiché verranno espansi al primo piano. Spazi che abbracciano terra, ammezzati, piani sotterranei e soppalchi si collegheranno in una sofisticata danza di eleganza e lusso.

La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano
La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

Sfruttare la verticalità della galleria

“La razionalizzazione degli spazi attraverso il rafforzamento del concetto di verticalismo ci consente di sfruttare appieno le potenzialità che la Galleria ci offre. Questo luogo è stato oggetto di interventi finalizzati a preservarne il suo significato monumentale, storico, culturale e identitario. Al tempo stesso, dobbiamo far sì che la sua redditività crescente continui a garantire servizi di alta qualità per i cittadini di Milano”, afferma l’assessore al Bilancio e Patrimonio, Emmanuel Conte.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

La seconda sfida si concentra su un’unità di 118 metri quadrati, con due vetrine, sul braccio laterale verso via Silvio Pellico. Un’enclave di eleganza in cui il suo nuovo padrone dovrà sborsare 342mila euro all’anno per possederla.

La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano
La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

Come partecipare e aderire ai due bandi

Entrambi gli incanti, aperti fino al 28 settembre, saranno assegnati secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. 40 punti saranno assegnati all’offerta economica, mentre 60 punti verranno attribuiti all’offerta tecnica. Il loro obiettivo è garantire l’eccellenza nell’uso di questi spazi, che dovranno abbracciare e onorare le tradizioni più prestigiose e consolidate della città, l’estro dell’inimitabile “made in Italy” e l’esclusività dell’eccellenza internazionale. Sotto un cielo tempestoso, la Galleria Vittorio Emanuele attende il suo nuovo destino, mentre una melodia drammatica riempie l’aria, promettendo una nuova era di splendore e magnificenza.

La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano
La Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...