moda uomo
moda uomo

La Moda Uomo torna a invadere Milano. Dopo Firenze dove ha chiuso i battenti il Pitti, la manifestazione fieristica più importante al mondo dedicata all’abbigliamento maschile, ecco che da domani sotto la Madonnina andranno in scena le proposte da uomo per l’inverno 2019/2020 con oltre 50 eventi in programma tra fashion show e presentazioni.

Tornano le sfilate con i grandi nomi del lusso e con i giovani designer che, come sempre, sapranno dare un input contemporaneo alle tendenze. I dati economici dell’industria italiana della moda ovvero tessile, abbigliamento, pelletteria e calzature registrano nei primi nove mesi del 2018 una crescita del 2,7%, fiore all’occhiello proprio la moda maschile.

PRODUZIONE • «L’abbigliamento da uomo sta andando benissimo – spiega Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda –: siamo leader mondiali della moda uomo e addirittura, quando parliamo di capispalla, rappresentiamo il 70% della produzione europea, mentre per quanto riguarda l’abbigliamento maschile il 46%».

Note dolenti le incertezze delle politiche internazionali come la Brexit e la minaccia dei dazi americani. La buona notizia è che alle nuove generazioni maschili piace la moda, il vestirsi bene. Secondo una ricerca inglese, infatti, i nuovi consumatori under 35 spendono in media il 60% in più dei maschi più adulti. Per questo l’impegno stilistico verso le collezioni da uomo è ormai alla pari di quello da donna.

CO-ED • Tra i ritorni famosi, Frankie Morello e Brioni scelgono Milano Moda Uomo. Quest’ultimo, dopo essere stato protagonista per lungo tempo della settimana del menswear di Parigi, presenterà qui il designer austriaco Norbert Stumpfl alla guida dell’ufficio stile.

Anche per questa edizione alcuni brand hanno deciso di sfilare co-ed, quindi in passerella sia uomo che donna: Daks, Dsquared2, Isabel Benenato, John Richmond, M1992, Marcelo Burlon County Of Milan, Miaoran, Neil Barrett, Sartorial Monk, Spyder, Sunnei. Milano Moda Uomo apre domani alle 20.00 con la sfilata uomo di Er­menegildo Zegna a cui seguirà un evento di Camera Nazionale della Moda Ita­liana realizzato con il supporto di MISE, ICE Agenzia, Confartigianato e del Co­mune di Milano.

COLLATERALI • Chiusura fissata per lunedì 14 alle 21.00 con uno speciale evento di Gucci al Gucci Hub “Motus presenta MDLSX con Silvia Calderoni”, per la regia di Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande. Ma non finisce qui perché molti eventi culturali arricchiranno la settimana della moda meneghina: a Palazzo Reale saranno presenti le mostre Picasso Metamorfosi e Carlo Carrà.

Al Museo del Novecento verranno ospitate le mostre Margherita Sarfatti, Chi ha paura del disegno. Opere su carta del ‘900 Italiano dalla collezione Ramo e Corrente 1938. Infine al PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea verrà ospi­ta la mostra Eva Marisaldi. Trasporto Eccezionale mentre a Palazzo Morando tocca a Milano e il Cinema.

50
gli eventi previsti per questa quattro giorni di moda maschile: 27 sfilate, 23 presentazioni. Milano, con i suoi 800 show-room che rappresentano 3.000 brand, si conferma capitale della moda

Da venerdì 11 gennaio alle 20.00
a lunedì 14 gennaio alle 21.00

cameramoda.it


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/