11.2 C
Milano
25. 04. 2024 12:58

Corsia preferenziale per gli autobus 90 e 91: finalmente si parte, con 20 anni di ritardo

La visione del progetto prevede che Piazza Stuparich si trasformi in un'area completamente pedonale

Più letti

Milano, la metropoli che non si ferma mai, sta compiendo un nuovo importante passo verso la sostenibilità e l’efficienza del trasporto pubblico: l’introduzione di una corsia preferenziale per gli autobus 90 e 91, due delle linee più frequentate della città. Questa novità promette di migliorare significativamente la fluidità del traffico e la puntualità dei servizi, incidendo positivamente sulla qualità della vita dei milanesi e sull’ambiente urbano.

Corsia preferenziale per gli autobus 90 e 91, una mossa strategica per il trasporto pubblico

Gli autobus 90 e 91, noti per il loro percorso circolare che cinge il cuore della città, sono da anni colonna portante del sistema di trasporto pubblico milanese. La decisione di dedicare una corsia preferenziale per gli autobus 90 e 91 si inserisce in una più ampia strategia comunale volta a promuovere la mobilità sostenibile, riducendo i tempi di percorrenza e incentivando l’uso dei mezzi pubblici in alternativa all’automobile.

Dettagli e benefici dell’iniziativa

La nuova corsia preferenziale assicurerà agli autobus 90 e 91 una via quasi esclusiva, limitando le interferenze del traffico ordinario e accelerando così i tempi di percorrenza. Il progetto non solo favorirà chi già utilizza i mezzi pubblici, ma è anche pensato per attrarre nuovi utenti, offrendo un’alternativa più rapida e affidabile all’auto privata.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Impatti ambientali e sociali

Questa iniziativa rappresenta un passo significativo nella lotta alla congestione urbana e all’inquinamento atmosferico, due delle principali sfide che Milano, come molte grandi città, si trova ad affrontare. Riducendo i tempi di attesa e aumentando l’efficienza del servizio di autobus, si prevede una diminuzione dell’uso di veicoli privati e, di conseguenza, una riduzione delle emissioni nocive.

La risposta della comunità milanese all’introduzione delle corsie preferenziali è stata in gran parte positiva, con molti cittadini che vedono in questa mossa un miglioramento tangibile della loro quotidianità. Gli operatori del trasporto pubblico si aspettano un aumento della puntualità e una riduzione degli intoppi legati al traffico, aspetti che renderanno il servizio più attraente per l’utenza.

Uno sguardo al futuro

Con l’attuazione di questa misura, Milano si conferma all’avanguardia nelle politiche di mobilità urbana, ponendo le basi per una città più verde, vivibile e all’avanguardia. La corsia preferenziale per gli autobus 90 e 91 non è solo un miglioramento infrastrutturale, ma un segno tangibile dell’impegno della città verso un futuro più sostenibile e inclusivo, in linea con gli obiettivi ambientali e sociali che caratterizzano l’agenda urbana del terzo millennio.

L’asse Stuparich-Lotto-Zavattari

La rivisitazione dell’asse Stuparich-Lotto-Zavattari sta per prendere il via, ponendo fine a un’attesa ventennale. Annunciata ufficialmente il 5 marzo, questa ambiziosa ristrutturazione si articolerà in diverse fasi nel corso di tre anni, iniziando con l’intervento su Piazza Stuparich e la sua corsia preferenziale, estendendosi fino a Piazzale Lotto. La visione del progetto prevede che Piazza Stuparich si trasformi in un’area completamente pedonale, migliorando così l’accessibilità e la vivibilità dello spazio urbano, mentre le vie Albani e Salmoiraghi diventeranno dei cul-de-sac per il traffico automobilistico.

Le fasi dei lavori

La prima fase dei lavori, della durata prevista di nove mesi, concentrerà i suoi sforzi sulla riqualificazione della piazza e delle strade adiacenti. Durante questo periodo, l’accesso veicolare alle vie Albani e Salmoiraghi sarà garantito unicamente tramite itinerari alternativi, impedendo il transito attraverso la piazza.

Data la preoccupazione dei commercianti di Via Albani per l’impatto che la chiusura potrebbe avere sulle loro attività, è stato programmato un incontro con le autorità locali per valutare soluzioni che minimizzino i disagi. Oltre agli aspetti funzionali, il progetto punta a valorizzare l’estetica delle aree interessate e a incrementare la sicurezza, offrendo benefici tangibili come la riduzione dei tempi di viaggio del 30% attraverso l’introduzione della corsia preferenziale e l’implementazione di una nuova pista ciclabile.

Per mantenere i cittadini costantemente informati, verranno forniti aggiornamenti periodici sull’evoluzione dei lavori. Tra le questioni ancora aperte vi sono la definizione di un itinerario alternativo per la linea autobus 68 e le strategie di gestione del traffico durante eventi importanti, come partite e concerti.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...