8.2 C
Milano
04. 12. 2022 19:28

Perché Beppe Sala non ha tutti i torti (e non merita questo odio)

In Italia si è bravissimi a fare opposizione, ma molto meno ad agire concretamente

Più letti

Gli attacchi al sindaco Beppe Sala nelle ultime settimane si sono moltiplicati, soprattutto a causa delle nuove regole su Area B e Area C che hanno scatenato mille polemiche. Eppure forse si sta realmente esagerando nel puntare il dito verso un uomo solo, che pur tra le tante difficoltà sta provando a fare qualcosa di concreto.

Beppe Sala e il coraggio di cambiare

«In Italia siamo tutti un po’ ambientalisti alla macchina del caffè, e dopo facciamo fatica a cambiare. È anche evidente che non c’è una singola decisione presa per migliorare l’ambiente che non comporti un impatto sociale». Questo uno dei commenti di Beppe Sala riguardo gli attacchi su Area B e C. Ed è difficile dargli torto in questo senso: in Italia si è bravissimi a fare opposizione, spesso retorica, tanto quanto si è prudenti nel cercare di cambiare le cose.

Beppe sala ride, foto Fotogramma-2

Milano, vizi ma anche virtù

Milano non è certo la città dei sogni e deve fare i conti con tante problematiche comuni a tante altre grandi metropoli, ma in Europa sono tante le realtà che la considerano un modello per quanto riguarda la sostenibilità, senza contare ad esempio che il capoluogo è primo nel continente per quanto riguarda la sharing mobility, tra l’altro sempre più green con il 94,5% dei veicoli a zero emissioni.

Decisioni forti

«La politica deve prendere decisioni – dice Beppe Sala -. Credo che noi politici, in questa fase dobbiamo essere più bravi, decisi e coerenti perché i tempi lo richiedono. Dobbiamo essere capaci di decidere». Un concetto non banale su cui forse varrebbe la pena riflettere prima di additare il sindaco come grande male di questa città.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...