13.3 C
Milano
25. 04. 2024 16:48

Milano, la campagna elettorale inizia dalle piste ciclabili

La campagna elettorale rischia di diventare un referendum sulle due ruote

Più letti

Neanche il tempo di definire il nuovo candidato del centrodestra, Luca Bernardo, che è già iniziato il primo round della nuova campagna elettorale. La prima sfida si gioca sul ring delle piste ciclabili.

Piste ciclabili, tra favorevoli e contrari

Ad aprire le danze ci ha pensato il neo capolista di FdI per Milano, Vittorio Feltri, che con il suo solito savoir-faire ha dichiarato senza mezzi termini: «Primo obiettivo: eliminare le ciclabili che hanno paralizzato la città».

Il maxi piano di piste ciclabili messo in atto durante il lockdown anche per far fronte alle limitazioni dei mezzi pubblici non è andato giù ad una gran parte di milanesi. Così, il centrodestra tenta di accaparrarsi le simpatia degli ultrà dell’auto e dei commercianti, i più critici nei confronti dei percorsi a due ruote.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

A far eco a Feltri – seppur con toni più pacati – anche lo sfidante di Sala, Luca Bernardo: «Ha ragione, le ciclabili vanno fatte in sicurezza e non come le hanno tracciate finora». L’attuale sindaco invece chiede che la campagna elettorale non si trasformi in un referendum sulle due ruote: «Povera Milano – aveva dichiarato Sala qualche giorno fa -, se dovesse esserci una campagna elettorale sulla ciclabile di Buenos Aires».

nuove zone 30 milano

Gli alleati a sinistra dell’attuale sindaco invocano invece la giunta a osare di più.«Le ciclabili vanno fatte, ma in modo organico. E soprattutto — afferma il candidato rosseverde Gabriele Mariani — va ripensato il sistema della sosta non residenziale. Per questo noi siamo per applicare i referendum del 2011 sull’estensione di Area C ai limiti della città, anche per generare risorse per rafforzare i mezzi pubblici».

Di parere molto simile Bianca Tedone, candidata sindaco di Potere al popolo: «Parlare della pista in più o in meno è un’operazione a costo politico zero. Serve a Sala per costruirsi l’immagine green e a Feltri a fare teatro. La mobilità sostenibile non è questione di moda o materia da propaganda: in una delle aree più inquinate al mondo è una scelta obbligata, ma efficace solo in un’ottica integrata in cui s’affianchi un trasporto pubblico che risponda davvero alle esigenze dei cittadini».

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...