14.1 C
Milano
28. 02. 2024 19:31

Liliana Segre querela l’ex ambasciatrice Basile: «Risposta vergognosa, affermazioni diffamatorie»

La senatrice a vita è stata duramente attaccata in un video dall'ex ambasciatrice Elena Basile, secondo la quale Liliana Segre sarebbe tormentata solo dal pensiero dei bambini ebrei

Più letti

L’ex ambasciatrice Elena Basile «ci ha risposto nella notte, una risposta vergognosa in cui dà la colpa ai giornali che hanno travisato e che secondo lei dovrebbero rettificare. Prendiamo atto della sua risposta e procediamo con la querela». Parole di Luciano Belli Paci, il figlio di Liliana Segre. Basile aveva attaccato la senatrice a vita che, a sua detta, sarebbe tormentata «solo dal pensiero dei bambini ebrei».

Il figlio di Liliana Segre spiega le ragioni della querela

«Ieri notte mi sono pervenute due mail da Elena Basile, in risposta alla mia mail di contestazione di ieri mattina. Basile sostiene che il pensiero di Liliana Segre sarebbe stato travisato da non meglio precisati articoli di stampa, a seguito dei quali sarebbe nato il suo video, e che dunque la senatrice dovrebbe chiedere a quei giornali che l’hanno fraintesa, e non a lei, di rettificare», ha spiegato Luciano Belli Paci, il figlio di Liliana Segre, in un comunicato.

Israele e Palestina, Liliana Segre triste: «Come Auschwitz». Fischi contro Sala nella sinagoga di Milano
Liliana segre

L’ex ambasciatrice, inoltre, «si dichiara felice di apprendere che la senatrice Segre ha a cuore la morte dei bambini di tutte le nazionalità e gruppi etnici e si dice spiacente se il video ha ferito Liliana Segre». Rispondendo a Basile, il figlio della senatrice a vita ha precisato «che i travisamenti del pensiero di Liliana Segre da parte della stampa non risultano e che prendiamo atto del fatto che non ritiene di assumersi le sue responsabilità per le affermazioni diffamatorie ed ingiuriose contenute sia nel video sia nell’intervista pubblicata dal giornale online (Il Giornale d’Italia, ndr) e del fatto che non ritiene di adottare le misure riparatorie suggerite».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

L’ex ambasciatrice Basile contro Liliana Segre: cosa ha detto

Pertanto Liliana Segre ha dato incarico al suo penalista di fiducia, l’avvocato Vincenzo Saponara di Milano, di procedere a norma di legge nei suoi confronti. La senatrice a vita è stata duramente attaccata in un video dall’ex ambasciatrice Elena Basile, secondo la quale Liliana Segre sarebbe tormentata solo dal pensiero dei bambini ebrei. «Ho voluto scrivere alla Basile, le ho mandato una mail, facendole osservare che aveva detto una cosa completamente falsa».

giorno della memoria, Laurea Honoris Causa a Liliana Segre alla Statale di Milano. Nella foto il rettore Elio Franzini e Liliana Segre, foto fotogramma
Laurea Honoris Causa a Liliana Segre alla Statale di Milano. Nella foto il rettore Elio Franzini e Liliana Segre

«Mia madre ha ripetuto sempre, anche da Fabio Fazio, che lei non fa distinzioni, che le fanno una pena infinita i bambini di tutte le nazionalità, di tutte le fedi, quelli israeliani e quelli palestinesi. Quindi quello che ha detto Basile è una cosa totalmente falsa. Francamente essere insultata sanguinosamente da un personaggio che si dovrebbe presumere di una certa cultura, come la Basile, ed essere accostata addirittura ai nazisti, perché i nazisti, dice la Basile, avevano cura solo per i propri bambini e mia madre farebbe la stessa cosa, ebbene supera i limiti di qualunque possibilità di tolleranza e decenza. Siamo al di là del bene e del male», aveva spiegato Luciano Belli Paci, il figlio di Liliana Segre.

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A