9.1 C
Milano
02. 03. 2024 04:40

Il cuore grande di Milano: gara di solidarietà per i profughi afghani in città

«Milan col coeur in man», recitava un vecchio proverbio in dialetto milanese: migliaia di milanesi hanno donato vestiti, cibo e coperte per i profughi afghani

Più letti

Non si può dire che Milano non sia una città solidale. Ieri all’appello lanciato dai City Angels e dalla Comunità ebraica di Milano per sostenere concretamente i profughi afghani hanno risposto in migliaia.

La raccolta solidale per i profughi afghani

Così ieri sera i volontari con il basco blu hanno riempito davanti al famigerato binario 21, luogo da cui partirono i treni con i deportati verso i campi di concentramento, oltre mille scatoloni: circa duemila milanesi sono accorsi per donare vestiti, coperte, scarpe e tanti altri prodotti. Tra questi anche moltissimi beni di prima necessità, come cibi a lunga conservazione, che non verranno solo distribuiti tra i profughi afghani, ma anche tra i tanti senzatetto della città.

Gli afghani arrivati a Milano attraverso i corridoi umanitari dopo il ritorno al potere dei talebani sono circa 200. Verranno ospitati in alcune strutture già individuate dalla Prefettura. «Milan col coeur in man», recitava un vecchio proverbio in dialetto milanese: bisogna ammettere che anche in questo caso la generosità dei milanesi non è certamente mancata. «Milano ha dimostrato il suo grande cuore», ha dichiarato un soddisfatto Mario Furlan, leader dei City Angels.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

 

 

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A