9.4 C
Milano
25. 04. 2024 02:49

Salvatore Aranzulla uno di noi, difendere i rider di Deliveroo vuol dire difendere i cittadini milanesi

Stavolta non ha potuto usare uno dei suoi celebri tutorial per risolvere un problema informatico

Più letti

E’ diventato virale l’ultimo post di Salvatore Aranzulla che stavolta non ha potuto usare uno dei suoi celebri tutorial per risolvere un problema informatico. La cena gli è andata per traverso e su Facebook si è scagliato contro Deliveroo, difendendo però la categoria dei rider oltre agli interessi di tutti i cittadini milanesi. Ma andiamo con ordine.

Il post di Salvatore Aranzulla

Il post da cui è partito tutto è questo: «Faccio un ordine su Deliveroo per ordinare una pizza da un ristorante vicinissimo a casa: l’app, per non so quale motivo, mi fa fare l’ordine da un punto vendita dalla parte opposta di Milano. Quando me ne accorgo, provo a sentire l’assistenza: sono disposto a pagare per l’ordine e la consegna, ma non a riceverlo perché non ha senso fare pedalare una persona dall’altra parte di Milano. Risposta: non è possibile e ti chiudono la chat. Insomma, hanno fatto pedalare per mezza Milano una persona per consegnare una pizza che è immangiabile. Ma andatevene a quel paese!».

Salvatore Aranzulla
Salvatore Aranzulla

Le parole di Salvatore Aranzulla

Il Corriere di Milano ha poi chiamato Salvatore Aranzulla che ha spiegato meglio l’accaduto e il suo pensiero. «Come altre volte ho prenotato da Fra Diavolo, 150 metri dal mio appartamento, e di norma sì, passo io a prenderla. L’ultima volta no, dovevo continuare a lavorare. Il problema è che l’ordinazione fatta con Deliveroo è stata inviata a un altro ristorante della catena. Dall’altra parte di Milano. Incredibile. Sì, la pizza era fredda ma non l’ho buttata: riscaldata in forno e mangiata. M’è rimasta sullo stomaco per tutto il giorno».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Salvatore Aranzulla e il rider

Salvatore Aranzulla ha chiarito di avercela con Deliveroo ma non con l’incolpevole e molto gentile rider: «Mi aspettavo gli insulti. Che ne so: “Sei pazzo, tu di Citylife, a ordinare dall’altra parte della città?”. Invece niente. Il ragazzo, straniero, non ha fatto una piega. Spero non sia abituato a percorrere lunghe distanze. Non gli ho lasciato la mancia perché da due anni non uso più il contante. Non vorrei ci abbiano rimesso rider e ristorante, loro che non c’entrano niente. Ripeto, in questi casi, basterebbe la funzione “annulla e paga” a disposizione del cliente».

Salvatore Aranzulla per Milano

Al di là del problema tecnico, Salvatore Aranzulla ha risollevato una questione importante, quella legata alle condizioni di lavoro dei rider, costretti a maratone in giro per la città in cambio di pochi euro. La pandemia ha fatto esplodere questo servizio e la comodità è innegabile ma approfittarne spudoratamente non va bene, soprattutto se porta a queste conseguenze, sia per la qualità del servizio che per i lavorarori in questione.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...