24.9 C
Milano
29. 05. 2024 18:12

Scuole Civiche, un presidio di protesta davanti a Palazzo Marino: «Niente tagli o chiuderemo»

Lo scopo è denunciare i significativi tagli ai finanziamenti previsti per i prossimi due anni

Più letti

Martedì 23 aprile, tutti gli studenti e il corpo docente delle Scuole Civiche di Milano, insieme ai sindacati FP CGIL, CISL FP e UIL FP, si ritroveranno in un presidio davanti a Palazzo Marino (Piazza della Scala, 2) a partire dalle ore 16:00. Lo scopo è denunciare i significativi tagli ai finanziamenti previsti per i prossimi due anni, i quali minacciano la stessa esistenza delle scuole.

Scuole Civiche, la situazione

Le Scuole Civiche sono attualmente in autogestione da una settimana, e il presidio è solo una delle iniziative che sono state messe in atto per sensibilizzare la cittadinanza e l’opinione pubblica. Con il rilascio del Piano Esecutivo di Gestione (PEG) del Comune di Milano per il triennio 2024-2026, approvato dalla Giunta Comunale l’11 gennaio 2024, sono stati delineati i seguenti finanziamenti:

⦁ 6milioni 890mila euro per il 2024 (-20% rispetto al 2023)
⦁ 5milioni 390mila euro per il 2025 (- 38% rispetto al 2023)
⦁ 2milioni 390mila per il 2026 (-72% rispetto al 2023)

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

scuola
scuola

Scuole civiche, la parola agli studenti

Per capire meglio la situazione, abbiamo intervistato Magherita Giogà, studentessa della scuola civica interpreti e traduttori Altiero Spinelli: «E’ da una settimana che siamo in autogestione proprio per protestare contro gli enormi tagli ai fondi che se confermati porterebbero alla chiusura in pochi anni. E’ una cosa molto grave. Abbiamo bisogno dei nostri spazi in scuole di alta formazione».

Scuole civiche, il presidio

«La nostra protesta non è contro la scuola o contro gli insegnanti, anzi. Saremo tutti uniti davanti a Palazzo Marino. Noi studenti in particolare come già successo in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico protesteremo con una performance artistica, in particolare stavolta con un testo di Bertolt Brecht. In questo modo vogliamo far vedere che cosa ci danno le scuole civiche e che cosa si rischia di perdere. Noi chiediamo che i tagli previsti non vengano fatti, per preservare così il nostro futuro», ha concluso Margherita.

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...