8.2 C
Milano
25. 04. 2024 09:02

Ddl Zan, è scontro tra la Ferragni e Renzi: «Fate schifo politici»

Botta e risposta tra l'influencer e il leader di Italia Viva

Più letti

Dopo le varie prese di posizione di Fedez sul Ddl Zan è il turno anche della moglie Chiara Ferragni. Dalla sua pagina Instagram attacca direttamente Renzi, definendo i suoi emendamenti al testo di legge come un tentativo di affondare insieme alla lega il disegno del deputato Zan.

Chiara Ferragni: “L’Italia è il Paese più transfobico d’Europa”

“L’Italia è il Paese più transfobico d’Europa. Ed Italia Viva (con Salvini) si permette di giocarci su!”, ha dichiarato in una story l’imprenditrice digitale.  Il post contiene la foto del leader di Iv Matteo Renzi ed il commento è netto: “Che schifo che fate politici“.

“La triste verità –  prosegue Chiara Ferragni in una nuova story – è che nonostante una legge che tuteli donne, disabili e persone appartenenti alla categoria Lgbtq+ serva, nel nostro paese e sia attiva nel resto dell’Europa da decenni, in Italia non verrà mai approvata perché la nostra classe politica preferisce guardare sempre il proprio interesse personale”.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

La replica di Renzi

Non è tardata ad arrivare la replica del leader di Italia Viva, Matteo Renzi: “Chiara Ferragni entra nel dibattito sulla Legge Zan dicendo ai suoi 24 milioni di follower – scriver l’ex premier su Facebook -: “Che schifo che fate politici”, con la mia faccia. Ho sempre difeso Ferragni da chi la criticava quando postava dagli Uffizi o da chi vorrebbe minimizzare il ruolo degli influencer. Lo faccio anche oggi. Fa bene Chiara Ferragni a dire quello che pensa. Solo che da lei mi aspettavo qualcosa in più di una frasina banale e qualunquista. Dire che i politici fanno schifo è il mediocre ritornello di chi vive di pregiudizi. Da una persona che stimo mi aspetterei un confronto nel merito”.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...