9.6 C
Milano
21. 04. 2024 22:03

La Polizia di Milano ha smantellato un’organizzazione di giovani neonazisti

Gli agenti hanno smantellato l'organizzazione clandestina: stavano programmando azioni violente

Più letti

Erano tutti poco più che ventenni e i loro idoli erano tutti terroristi di estrema destra, come Anders Breikvik, il folle che nel 2011 a Utoja in Novergia uccise 77 persone.  Gli agenti della Digos di Milano, cordinati dalla sezione antiterrorismo presieduta da Alberto Napoli e da Enrico Pavone, hanno eseguito così a Milano e Trieste quattro misure restrittive per i giovani neonazisti che vanno dall’obbligo di dimora alla presentazione giornaliera presso un ufficicio di Polizia.

I giovani neonazisti volevano costituire un nuovo ordine mondiale

Nelle loro farneticazioni il gruppo, che si era costituito in un’organizzazione clandestina dal nome “Avanguardia rivoluzionaria”, puntava a costituire un nuovo ordine mondiale. Prendevano ispirazione da gruppi di suprematisti americani incitando alla violenza per motivi razziali ed etnici.

Secondo gli inquirenti il gruppo aveva già pianificato azioni violente e programmato azioni intimidatorie per recuperare denaro. Avevano cercato di stringere rapporti anche con altre organizzazioni di estrema destra in Europa: uno di loro ad esempio, aveva viaggiato in Svizzera per costituire un sodalizio con il gruppo elvetico Junge Tat.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...