8.2 C
Milano
21. 02. 2024 02:53

“Golf senza barriere” torna in campo: a lezione all’Ambrosiano

Il progetto di terapia nato nel 2007 con protagoniste mazze e palline

Più letti

Dopo due anni di assenza dai campi per via della pandemia, il progetto “Golf senza barriere” ideato da Pierluigi Locatelli sta tornando sui campi.

“Golf senza barriere” torna in campo: domani all’Ambrosiano

Nato nel 2007 “Golf senza barriere”, realizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Golf Disabili e l’Assessorato alla Salute del Comune di Milano, ha permesso in questi quindici anni a tanti disabili di avere un supporto terapeutico. Parliamo di non vedenti, amputati, disabili fisici e con gravi ritardi mentali i cui progressi sono stati verificati in prima battuta negli Stati Uniti, dove la Golf Therapy fa parte dei progetti di cura in ospedali e centri specializzati.

golf senza barriere

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

A portarlo in Italia è stato Locatelli, con l’aiuto di una commissione medica che ha confermato in questi anni la bontà del lavoro svolto. Nei due di pandemia il progetto è andato avanti online, sempre grazie al lavoro del suo ideatore. Nell’ultimo mese è tornato sui campi della Lombardia e domani (mercoledì 8 giugno) sarà al Golf Ambrosiano di via Cascina Bertacca a Bubbiano per una lezione dalle 10 alle 14.

Per informazioni, donazioni, proposte di volontariato si può scrivere a golfsenzabarriere@gmail.com

In breve

FantaMunicipio #20: una città più a suon di musica

La notizia della settimana per la città riguarda senza dubbio la musica e la presentazione, effettuata nel corso di...
A2A
A2A