3.1 C
Milano
07. 12. 2022 11:30

Influenza aviaria, un focolaio in Lombardia: le zone sorvegliate

Sono già state abbattute alcune centinaia di capi di bestiame infetti

Più letti

In un allevamento di Galliavola, in Lomellina, è stato riscontrato un focolaio di influenza aviaria, del ceppo H5N1. Sono stati i veterinari di Ats Pavia ad accertarlo. Sono già state abbattute alcune centinaia di capi di bestiame (tra polli, anatre e animali selvatici).

Influenza aviaria nel Pavese

Sono state inoltre definite una “zona di protezione” che coinvolge i comuni di Galliavola (Pavia), Pieve del Cairo (Pavia), Villa Biscossi (Pavia), Ferrera Erbognone (Pavia) e Lomello (Pavia), e un’altra di “sorveglianza” che interessa complessivamente 26 centri. A dare notizia del focolaio di influenza aviaria è oggi il quotidiano La Provincia pavese.

Pollame isolato

Nella “zona di protezione”, che resterà in vigore sino al prossimo 21 novembre, il pollame dovrà restare isolato e sarà vietato muoverlo senza l’autorizzazione dei veterinari di Ats. È prevista anche l’istituzione di un registro di visitatori degli allevamenti, con il divieto di trasportare carni di pollame dai depositi frigoriferi e dai macelli.

Allerta e sorveglianza

La “zona di sorveglianza” per l’influenza aviaria, nella quale verranno censite tutte le aziende avicole e gli animali presenti, resterà in vigore sino al 30 novembre. È prevista inoltre una sorveglianza sierologica e virologica per verificare la possibile diffusione dell’influenza aviaria nelle aziende della “zona di protezione”.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...