17.7 C
Milano
16. 06. 2024 01:51

Influenza aviaria, un focolaio in Lombardia: le zone sorvegliate

Sono già state abbattute alcune centinaia di capi di bestiame infetti

Più letti

In un allevamento di Galliavola, in Lomellina, è stato riscontrato un focolaio di influenza aviaria, del ceppo H5N1. Sono stati i veterinari di Ats Pavia ad accertarlo. Sono già state abbattute alcune centinaia di capi di bestiame (tra polli, anatre e animali selvatici).

Influenza aviaria nel Pavese

Sono state inoltre definite una “zona di protezione” che coinvolge i comuni di Galliavola (Pavia), Pieve del Cairo (Pavia), Villa Biscossi (Pavia), Ferrera Erbognone (Pavia) e Lomello (Pavia), e un’altra di “sorveglianza” che interessa complessivamente 26 centri. A dare notizia del focolaio di influenza aviaria è oggi il quotidiano La Provincia pavese.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Pollame isolato

Nella “zona di protezione”, che resterà in vigore sino al prossimo 21 novembre, il pollame dovrà restare isolato e sarà vietato muoverlo senza l’autorizzazione dei veterinari di Ats. È prevista anche l’istituzione di un registro di visitatori degli allevamenti, con il divieto di trasportare carni di pollame dai depositi frigoriferi e dai macelli.

Allerta e sorveglianza

La “zona di sorveglianza” per l’influenza aviaria, nella quale verranno censite tutte le aziende avicole e gli animali presenti, resterà in vigore sino al 30 novembre. È prevista inoltre una sorveglianza sierologica e virologica per verificare la possibile diffusione dell’influenza aviaria nelle aziende della “zona di protezione”.

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...