22.9 C
Milano
28. 06. 2022 05:19

Alla scoperta dei candidati al Milanese del 2021: Milano Bella da Dio

Alla scoperta dei dieci candidati del contest "Il Milanese del 2021" lanciato da Mi-Tomorrow: ecco Giovanni Santarelli, fondatore di Milano Bella da Dio

Più letti

Nel mondo dei social c’è chi ha costruito il proprio successo aprendo canali narranti il degrado e la movida violenta delle metropoli. Uno dei più famosi è indubbiamente “Welcome to Favelas” con oltre un milione di followers. Ne esiste anche una versione completamente made in Milan che giorno dopo giorno cresce a suon di views: si tratta di “Milano bella da Dio”. Conosciamo il fondatore, Giovanni Santarelli, uno dei candidati al “Milanese del 2021” attraverso un’intervista rilasciata a Mi-Tomorrow qualche mese fa.

Giovanni Santarelli, Milano Bella da Dio: «Racconto il bello e il brutto della città»

 

Come è nato “Milano bella da Dio”?
«Il profilo è nato nel 2019. Pubblicavo ciò che vedevo in giro e che poteva in qualche modo raccontare Milano. Non semplicemente video di risse e degrado, ma anche foto panoramiche e scorci della città. Non a caso lo slogan che contraddistingue la bio del mio canale è “Il bello e il brutto di Milano”».

Ci sono dei luoghi che ti hanno particolarmente ispirato per iniziare?
«Ho vissuto per 16 anni a Calvairate per poi trasferirmi in centro città. L’episodio che ha fatto scattare la scintilla è stato assistere un giorno alla scena di alcune persone che gridavano per strada in Porta Vittoria».

Il riferimento del tuo canale a Welcome To Favelas sembra palese.
«Certamente. Milano Bella da Dio è in qualche modo nata ispirandosi a Welcome To Favelas. All’epoca mi chiesi se ci fosse qualcosa di simile anche a Milano e dato che effettivamente non c’era, decisi di aprire il canale».

C’è chi ti accusa di diffondere una cultura della violenza.
«Milano Bella da Dio nasce con l’obiettivo di fare informazione: documenta ciò che succede in città nella maniera più neutrale possibile. I nostri moderatori poi controllano costantemente i commenti e quant’altro per evitare proprio certe derive e spiriti di emulazione».

I tuoi video raccontano spesso la movida violenta. Secondo te da dove sfocia?
«Il canale interagisce frequentemente con gli utenti e da ciò che ho raccolto in questi mesi potrei dirti che il motivo principale è indubbiamente il disagio creato dalla pandemia e dalle sue restrizioni nella vita quotidiana. Altro elemento, senza però generalizzare, è la diffusione della trap: ho ricevuto diversi video di giovani “trapper” che cercavano di promuoversi giocando proprio sull’elogio della violenza».

L’informazione del tuo canale pensi possa far pressione sull’opinione pubblica e le istituzioni?
«Sì e credo che il seguente esempio lo possa dimostrare. Milano Bella da Dio ha pubblicato i video di piazza Mercanti, del ragazzo col machete alle Colonne. A tutti coloro che mi scrivevano lamentandosi della situazione ho chiesto di scrivere direttamente al sindaco Sala e alla vice Scavuzzo. Le numerose mail inviate al loro indirizzo hanno provocato nei giorni successivi una presa di posizione pubblica del primo cittadino».

This poll is no longer accepting votes

Chi è stato secondo voi il Milanese del 2021?
spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...