9.6 C
Milano
21. 04. 2024 23:07

Addio al reso gratuito, cosa cambia nei negozi di Milano

Dietro questa scelta motivazioni economiche che avranno anche un impatto positivo sull'ambiente

Più letti

L’era del reso gratuito sembra ormai agli sgoccioli: sono tanti i grandi marchi che hanno deciso di introdurre una commissione per la restituzione degli acquisti. In Gran Bretagna, da qualche mese, il gruppo spagnolo Inditex, a cui fa capo anche Zara, chiede un contributo fisso, pari a quasi 2 sterline, per il reso presso i punti di raccolta o a domicilio. Una politica intrapresa anche dal colosso giapponese Uniqlo e dai britannici Asos. Decisioni che avranno ripercussioni anche nei negozi milanesi.

Reso gratuito, i motivi della decisione

Dietro questa scelta ovviamente ci sono motivazioni economiche, visto che i resi comportano per le aziende un dispendio di tempo e denaro. Contando sul free return, molti consumatori acquistano più articolo di taglia e di colore dello stesso capo, in modo da provarli e poi restituirli gratuitamente. Altri consumatori comprano più abiti sapendo già che li restituiranno. Il motivo? Indossarli una volta per fare giusto una foto da postare sui social network.

Saldi 2020

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

 

L’impatto ambientale

I resi hanno anche un grande impatto ambientale, poiché spesso i vestiti restituiti non vengono rimessi in vendita ma buttati perché per le aziende risulta economicamente più conveniente. Un incredibile spreco e un notevole incremento delle emissioni di anidride carbonica prodotte dalla combustione dei rifiuti. Anche quando non finiscono in discarica, gli abiti resi hanno comunque un impatto sull’ambiente, considerando le spedizioni extra e gli imballaggi.

Come cambiano i consumi?

Abolire il reso gratuito modificherà i comportamenti di acquisto dei consumatori, costretti a diventare più oculati nelle loro scelte. Addio quindi allo shopping impulsivo e senza freni, con una maggiore attenzione alle spese e di riflesso anche all’impatto ambientale.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...