31.2 C
Milano
21. 05. 2022 21:38

Ricciardi: «Un errore il mancato lockdown di Milano». Immediata la risposta di Sala

«Venni attaccato da tutti, mentre ci avevo visto giusto»

Più letti

Se ci fosse stato un secondo lockdown a Milano e Napoli nel 2020, si sarebbero risparmiati migliaia di morti. Ne è certo Walter Ricciardi, consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza, il quale identifica il mancato lockdown come il suo più grande rammarico: «Ci fu strenua contrarietà dei sindaci, che scrissero al ministero – ricorda in un’intervista a Il Mattino – ma avremmo evitato la seconda ondata e migliaia di morti». 

Mancato lockdown a Milano, il più grande rammarico di Walter Ricciardi 

Walter Ricciardi, docente di Igiene all’università Cattolica di Milano, punta il dito contro Beppe Sala e Luigi de Magistris, i due sindaci delle città in questione, i quali presero penna e calamaio e scrissero al Ministro dichiarandosi contrari: «In realtà avremmo evitato la seconda ondata, bloccato la trasmissione dei contagi e limitato la terza ondata che hanno coinvolto tutte le regioni italiane provocando 70mila morti. Venni attaccato da tutti, mentre ci avevo visto giusto».

ricciardi

Termina l’emergenza, ma solo sul piano giuridico

Oggi è il primo giorno senza tante delle restrizioni messe in campo dal CTS: «Termina l’emergenza sul piano giuridico e si torna all’ordinaria amministrazione, ma non è finito l’allarme sanitario – avverte – Bisogna mantenere le misure che abbiamo attuato finora, la vaccinazione in primis, il Green pass, le mascherine, le distanze di sicurezza, la prudenza nei viaggi. Per sconfiggere definitivamente il virus, dobbiamo vaccinare il mondo. Per fortuna l’Italia ha avuto un ministro che ha immediatamente capito il rischio che stavamo correndo e che ha agito di conseguenza. Il binomio tra scienza e politica qui in Italia ha funzionato bene sin dall’inizio».

ricciardi

La replica di Sala e De Magistris a Ricciardi

«Nessuna strenua contrarietà, come afferma Ricciardi, ma anzi la massima disponibilità al dialogo e al lavoro comune su temi molto complessi e dagli effetti potenzialmente drammatici, come scrivevamo nella nota al Ministro cui spettava, come si sa assieme alle Regioni, ogni decisione in merito. E’ destituita di ogni fondamento, e sarà valutata nelle opportune sedi, la ricostruzione fornita dal prof. Ricciardi in un’intervista pubblicata stamani da Il Mattino e ripresa da vari organi di stampa. La nostra attività e il nostro impegno sono sempre stati protesi alla massima collaborazione istituzionale, ribadita e sottolineata con forza nella nostra lettera al Ministro Speranza». Lo spiegano in una nota congiunta il sindaco di Milano Giuseppe Sala e Luigi de Magistris, primo cittadino di Napoli, allegando la lettera originale inviata al ministro della Salute, Roberto Speranza, il 28 ottobre 2020.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...