2.2 C
Milano
20. 01. 2021 04:51

L’Istituto Comprensivo di via Maffucci ha riaperto per il progetto cinema: «I ragazzi ci tenevano tantissimo»

La preside Barbirato: «Non sono stata temeraria, ma consapevole che i limiti erano molto forti e dovevamo tutelare tutti dai possibili rischi»

Più letti

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

Laura Barbirato, dirigente scolastico del complesso milanese Bodio-Guicciardi-Maffucci, ha riaperto le porte di uno dei suoi istituti per permettere ai ragazzi di terza media, che avevano aderito al progetto cinema, di portare a termine il cortometraggio che stavano registrando. Progetto portato avanti online durante il lockdown, ma rimasto incompiuto a causa dell’emergenza.

L’Istituto Comprensivo di via Maffucci ha riaperto per il progetto cinema: «I ragazzi ci tenevano tantissimo»

«I ragazzi ci tenevano tantissimo, la pressione è venuta da loro, molti dei quali hanno portato proprio cinema all’esame. – fa sapere la preside – Non sono stata temeraria, ma consapevole che i limiti erano molto forti e dovevamo tutelare tutti dai possibili rischi. Poi, visto che eravamo tutti d’accordo, dai genitori agli insegnanti, ho pensato che fosse il caso di farlo perché a settembre sarebbe stato più difficile con la dispersione dei ragazzi in altre scuole».

Ripartire. Ora La rinnovata commedia, il cortometraggio dei ragazzi, è finito ma realizzarlo non è stato semplice, racconta la Dottoressa Barbirato: «Mi sono fatta carico di tutte le responsabilità. Per 15 giorni sono stata in apprensione, ma poi questa esperienza mi ha rassicurata sulla ripresa di settembre, che ora vivo in maniera meno ansiogena. Possiamo ricominciare il più normalmente possibile, perché vivere a distanza vuol dire dimenticare il tessuto sociale della scuola».

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti