marco bianchi
Marco Bianchi, quanto si sente milanese?
«Da uno a cento, mi ci sento sicuramente cento! Io sono nato a Milano e sono cresciuto a Milano. Ho parenti milanesi. Amo la città sin da da piccolo quando mi perdevo in un libro di storie milanesi illustrato con foto in bianco e nero dei Navigli che mi era stato regalato. Un giorno chiesi anche di poter visitare quei luoghi. Quindi posso dire senza essere smentito di essere un milanese doc»
Essere un nato sotto il segno della vergine a Milano, come descriverebbe questa condizione?
«Milano è la città di chi vuol vivere bene, la città dove non ti manca nulla… È una città adatta per una persona del segno della Vergine come me. Chi nasce sotto questo segno di terra è fortemente motivato a raggiungere sempre i propri obiettivi. E Milano è un luogo che ben si adatta a tutto questo perché è una città che offre grandi opportunità a tutti coloro che vi abitano».
Si dice tra le caratteristiche principali del suo segno ci sia la pignoleria, ma anche l’altruismo. Ha un aneddoto da raccontare a questo proposito?
«In effetti l’aneddoto esiste, ma è anche qualcosa di molto privato e quindi continuerà a rimanerlo ancora per tanto tempo! Quello che, invece, posso dire molto serenamente è che faccio spesso e volentieri azioni di bene che non è necessario raccontare dettagliatamente. A Milano ci sono diverse associazioni, case famiglia e fondazioni e in queste mi offro come una parentesi di svago».
Come vede la Milano del 2019?
«Mi immagino una Milano all’avanguardia, una città sempre più sviluppata tecnologicamente. Sono sicuro che sarà una metropoli sempre più aperta e, secondo me, con molte meno auto in circolazione sulle strade, perché la città si sta evolvendo sempre più verso i principi di eco-sostenibilità».
—-
Marco Bianchi
Milano, 22 settembre 1978
Food mentor 
Divulgatore scientifico per la Fondazione Veronesi, food mentor e personaggio televisivo. Dal 2014 al 2018 è stato ospite fisso a La prova del cuoco, su Raiuno, con la sua rubrica La cucina della salute. Dal 2018 conduce il programma La mia Cucina delle Emozioni (stesso titolo del suo ultimo libro) in onda su Food Network.
 
—-
 
VERGINE
Parola d’ordine per il 2019: MODERAZIONE
 
AMORE
Stare alle regole dell’amore per voi è difficile, essendo un segno essenzialmente pragmatico. Dopo un inizio di anno low profile, troverete nuovamente la voglia di amare a partire dal primo marzo, quando i pianeti torneranno a sorridervi. Ma tutto potrebbe nuovamente cambiare a partire dalla fine di maggio, periodo in cui tornerete a farvi mille domande sulla vostra situazione affettiva. Per i single ci vorrà ancora più pazienza.
 
LAVORO
Cambiamenti in vista per il lavoro, nel corso di un 2019 pieno di insidiose curve ma che vedrà, a partire da novembre, solo rettilinei. Fino ad ora vi hanno perseguitato i conti da far quadrare nel bilancio familiare e casalingo, ma Urano vi omaggerà del giusto momento per raccogliere tutti i frutti maturati dal vostro grande impegno e dedizione nel corso dell’anno appena concluso.
 
SALUTE
Qualcuno cambierà casa e questo comporterà inevitabilmente stress, ma non temete, avrete dalla vostra il senso pratico dell’organizzazione tipico del vostro segno, combinato con un Saturno in ottimo aspetto. Tra marzo ed aprile rimarranno a galla alcuni cavilli legati all’aspetto burocratico e legale del vostro presente, quindi attenzione agli sbandamenti di testa causati da distrazioni momentanee.