10.7 C
Milano
22. 10. 2021 06:09

La Lombardia si prepara a vaccinare i bambini tra i 5 e gli 11 anni: «Siamo pronti a farlo»

Il governatore Attilio Fontana dichiara di essere pronto a vaccinare anche i bambini tra i 5 e gli 11 anni: alcuni studi confermano l'efficacia del siero anche sui più piccoli

Più letti

Alcuni studi di Pfizer Biontech hanno confermato la possibilità di vaccinare i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Secondo le ricerche fin qui condotte anche i più piccoli avrebbero un’ottima risposta immunitaria al siero. Sul tema si è espresso anche il governatore lombardo Attilio Fontana: «Noi ci atteniamo alle disposizioni che arrivano dagli organi scientifici – ha dichiarato a Rai Radio 1 -, dall’Istituto superiore di Sanità e dal Comitato tecnico-scientifico. Se dovessero aprire anche a questa categoria, noi siamo pronti a farlo».

vaccinare i bambini

Vaccinare i bambini, gli studi confermano la sicurezza

Il presidente Fontana è ottimista sull’allargamento della vaccinazione ai più piccoli. «Da noi ha avuto anche un notevole riscontro la vaccinazione dei ragazzi dai vaccinazione ragazzi dai 12 ai 19 anni», ha ribadito ancora una volta.

Nel frattempo si parte con la terza dose

A partire da ieri sono iniziate le somministrazioni della terza dose. I primi a riceverla sono i soggetti immunodepressi: si tratta di una platea di 150mila persone.

Dopo gli immunodepressi, dall’11 ottobre si passerà agli 80mila ospiti delle Rsa, vaccinati almeno da sei mesi dopo la seconda dose. Secondo le stime gli anziani delle case di riposo dovrebbero essere immunizzati intorno al 15 novembre. Per gli altri over 80 la nuova campagna vaccinale inizierà dalla metà di ottobre. Per chiudere il cerchio dal 15 novembre la terza dose sarà dedicata ai 400mila operatori sanitari presenti in Lombardia.

Verranno effettuate circa 4mila somministrazioni al giorno e ci sarà un sistema di prenotazione e registrazione unico gestito da Poste Italiane. Come già anticipato nelle scorse settimane dal consulente per la campagna vaccinaleGuido Bertolaso, solo alcuni grandi hub (quelli nelle grandi città) resteranno attivi, mentre verranno attivati altre strutture più piccole e capillari.

In breve

È tempo di derby d’Italia: chi perde è già fuori dalla lotta scudetto?

Sarà il pubblico, rispetto a una stagione fa, l'aspetto distintivo del derby d'Italia in programma domenica sera alle 20.45...