3.7 C
Milano
21. 01. 2022 00:47

Lombardia, la zona gialla si avvicina. E il governo pensa ad una stretta per Capodanno

La zona gialla è dietro l'angolo e la Lombardia cerca di correre ai ripari. Nel frattempo c'è chi pensa ad un lockdown per i no Vax

Più letti

La Lombardia è riuscita a salvare il Natale, ma difficilmente riuscitrà a far la stessa impresa con il Capodanno. La zona gialla è dietro l’angolo e dal Pirellone corrono ai ripari: i posti letti destinati ai pazienti Covid sono stati aumentati fino a quota 10.500. Tuttavia, è l’ultimo aumento possibile. Dopodiché gli ospedali rischierebbero di togliere posti ai malati di altre patologie.

La zona gialla è quasi realtà

La Lombardia ha ormai più di 100 contagi ogni 100mila abitanti. Nel giro di due settimane sono stati fatti tre incrementi di posti letto destinati ai pazienti Covid: prima di quello decretato ieri, ne sono stati effettuati altri due in data 5 dicembre e 14 dicembre. Grazie a queste mosse si è riusciti ad evitare la zona gialla.

Al momento sono stati attivati ulteriori 10 posti di terapia intensiva all’Asst Ovest Milano e a quella dei 7 laghi. In rianimazione sono per ora ricoverati 160 pazienti in tutta la Regione. Se si dovesse arrivare a quota 180 riaprirà anche l’Ospedale in Fiera.

Fontana: «Non siamo in una situazione così critica»

Nonostante il superamento della soglia critica fissata al 10% per le terapie intensive ed al 15% per i posti ordinari, il governatore Attilio Fontana cerca di calmare gli animi. «Noi grazie al cielo siamo ancora in una situazione abbastanza sotto controllo, nel senso che i numeri ancora non ci penalizzano — ha affermato —. Tutto dipende dai prossimi giorni, dato che i numeri vengono inviati a Roma martedì. Ci sono buone possibilità di rimanere ancora in bianco, però è chiaro che siamo abbastanza al limite. Se anche dovessimo passare in zona gialla, non sarebbe una situazione drammatica».

fontana zona gialla

Si parla di una reintroduzione della mascherina all’aperto, ma il governatore non la reputo una soluzione così fondamentale. «Si può valutare, ma non è così fondamentale – ha concluso Fontana -. I numeri mi inducono a dire ai cittadini che bisogna prestare un po’ di attenzione. Penso ai grossi assembramenti e alle grosse feste. Sono da valutare con attenzione perché Omicron è molto veloce».

Non solo la zona gialla, il governo punta a nuove restrizioni

La variante Omicron sta colpendo anche l’Italia e il governo prova a correre ai ripari prima che la situazione precipiti. Numerose regioni sono già passate in questa settimana in zona gialla. Gli anestesisti parlano di un aumento del 70% dei ricoveri per fine anno. Il Consiglio dei Ministri si riunirà nei prossimi giorni e dall’incontro dovrebbe uscire un nuovo decreto per Capodanno.

Tra le nuove restrizioni potrebbe esserci l’obbligo di mascherina all’aperto, il tampone anche per i vaccinati per partecipare ad eventi, il Green Pass per i supermercati ed infince c’è chi invoca un lockdown per i No Vax.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...