12.5 C
Milano
17. 05. 2021 06:13

L’obesità raddoppia il rischio Covid: «Complicanze cardiache e polmonari»

Malavazos, responsabile del Servizio di nutrizione clinica e prevenzione cardiovascolare all'Irccs policlinico San Donato, spiega i rischi legati al Covid per i soggetti obesi

Più letti

Diversi studi hanno dimostrato che nei pazienti obesi la gravità della malattia Covid-19 aumenta, con maggiori probabilità di richiedere cure acute, ricoveri in terapia intensiva, intubazione e ventilazione meccanica. Come effetto finale, un dato davvero scoraggiante: l’obesità raddoppia la mortalità nei pazienti ospedalizzati positivi al coronavirus.

Soggetti deboli. Lo spiega Alexis Elias Malavazos, responsabile del Servizio di nutrizione clinica e prevenzione cardiovascolare all’Irccs policlinico San Donato. «L’obesità – ricorda Malavazos – è caratterizzata da un’infiammazione sistemica di basso grado, quindi i pazienti affetti da questa patologia sono più suscettibili alle infezioni a causa di una ridotta risposta immunitaria agli agenti infettivi. Ne consegue una maggiore morbilità e mortalità associate alle infezioni. Inoltre, queste persone mostrano una ridotta risposta immunitaria alle vaccinazioni e al trattamento antimicrobico. Il tessuto adiposo che si accumula a livello dell’addome è considerato il principale responsabile delle malattie infiammatorie dell’obesità, che possono essere associate a una maggiore morbilità nelle malattie infettive».

obesità in Lombardia

Complicanze gravi. «Questo si verifica – aggiunge il medico – anche nel caso del Covid-19: nel paziente affetto da obesità, in particolare affetto da obesità addominale, nel quale vi è un rischio aumentato di complicanze cardiache e polmonari legate alla malattia. Questo è dovuto al fatto che il paziente con obesità ha già un grado di infiammazione di grado lieve, ma cronico, e in conseguenza dell’infezione da Sars-Cov-2 il processo infiammatorio aumenta di grado, diventando così molto severo (la cosiddetta tempesta citochinica)».

Di particolare interesse, continua il medico, «è anche il tessuto adiposo epicardico (il tessuto adiposo che circonda il cuore) il quale pare essere più infiammato nei pazienti affetti da una severità maggiore di malattia da Covid-19, il che potrebbe spiegare perché diversi pazienti sviluppino delle miocarditi in conseguenza dell’infiammazione del tessuto adiposo epicardico che circonda il miocardio».

A differenza di quanto si possa pensare, «non è un fenomeno che interessa solo i pazienti adulti o anziani, ma riguarda anche i giovani. Per questo, è necessario identificare i soggetti a maggior rischio e porre ancora maggior attenzione all’obesità, una vera e propria malattia che porta con sé gravi conseguenze in campo cardiologico e cardio-metabolico, come ipertensione arteriosa e diabete», conclude Malavazos.

In breve

Fontana conferma le parole di Bertolaso: «Tutti vaccinati entro luglio»

Dopo il consulente Guido Bertolaso anche il governatore Attilio Fontana ha confermato che entro luglio tutti i lombardi riceveranno...