9.4 C
Milano
25. 04. 2024 02:30

MilanoSanremo, Il Tre a nudo sul palco del Festival: «Fragili, prima di diventare forti»

Il rapper considerato "buono" in gara all'Ariston con il racconto di una storia d'amore finita

Più letti

Per tanti Il Tre è considerato un “rapper buono”, dal profilo insolito rispetto alla sua categoria. Sarà anche il palco del Festival di Sanremo a definirne i contorni, a partire da stasera, quando presenterà in gara Fragili.

Il Tre a Sanremo 2024: «Chi mi vedrà la prima volta, avrà idea subito di chi sono»

Cosa racconti in Fragili?
«Un periodo che capita spesso a tutti, quel momento di massima fragilità in cui ci si ritrova dopo la fine di una relazione d’amore: è quello che mi è capitato recentemente, anche per colpa mia. Nel brano cerco di scusarmi con chi ho ferito e che non avrei voluto perdere, riconoscendo l’errore».

Nel brano c’è un verso che recita: “odio convivere con i demoni fissi nella mia testa”. Di quali demoni parli?
«Mi capita di essere spesso di malumore, senza motivo. Ho 26 anni e non può essere sintomo dell’adolescenza, il velo di tristezza che mi accompagna nelle mie giornate è ingiustificato. La difficoltà è capire la fonte del problema: con questo brano voglio dire a chi vive lo stesso di non sentirsi sbagliati, ma solo fragili e capaci di rialzarsi».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

E con quali barre lo fai?
«Pop e rap hanno sempre convissuto nei miei brani, ho deciso di non snaturarmi a Sanremo per non tradire chi già mi conosce. Chi mi vedrà la prima volta, invece, avrà idea subito di chi è Guido (nome di battesimo, ndr). Fragili farà parte della nuova versione del mio ultimo album Invisibili ed uscirà venerdì 9».

IN GARA CON
Fragili

COVER
Medley Fabrizio Moro, con Fabrizio Moro

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...