28.2 C
Milano
22. 05. 2022 18:38

Green Pass a scuola: dal quinto giorno addio stipendio per i professori

Il testo del decreto del Governo è chiaro, stanziati già 358 milioni di euro per i supplenti

Più letti

Servirà il Green Pass a scuola, almeno per il personale scolastico e i professori, che dal quinto giorno di assenza non avranno più il loro stipendio. Tra le molte novità che entreranno in circolo con la ripresa dell’attività didattica, sicuramente quella dell’obbligo del Green Pass a scuola fa discutere. Tant’è, ma ormai la decisione è stata presa e dall’1 settembre entrerà in vigore: per i lavoratori delle scuole e delle università, come precisato nel decreto legge 6 agosto 2021, n. 111, la certificazione verde diventerà, nei fatti, obbligatoria. 

Green Pass a scuola, un obbligo mascherato 

Nessuna obbligazione a vaccinarsi, ma obbligazione nell’avere la certificazione verde. Una sorta di vedo/non vedo, un gioco delle carte che, comunque, ha il risultato di far diventare obbligatorio il Green Pass a scuola per tutto il corpo scolastico e docente. Perché se è vero che finora il Green Pass, che si ottiene entro 48 ore dalla vaccinazione, serviva solo per entrare nei locali al chiuso, dall’inizio di settembre tutto cambierà. 

Il mondo della scuola 

Il Green Pass a scuola, si legge nel testo del decreto, ha l’obiettivo di “assicurare il  valore della scuola come comunità e tutela la sfera sociale e psico-affettiva della popolazione scolastica, sull’intero territorio nazionale”. Il decreto poi prosegue: «Dal 1° settembre 2021 e fino  al 31  dicembre  2021,  termine  di cessazione dello stato di emergenza, al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione in presenza del servizio essenziale di istruzione, tutto il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e universitario, deve possedere ed è tenuto a esibire la certificazione verde covid-19». Per gli studenti, invece, fino alle superiori nessun green pass, mentre per gli universitari che vogliono seguire le lezioni in presenza in ateneo è obbligatorio. Fermo restando il distanziamento, la mascherina e il triage all’ingresso. 

Niente Green Pass e niente stipendio per i docenti 

Il decreto parla poi di cosa accadrà ai docenti che non avranno il Green Pass: «Il mancato rispetto delle disposizioni di cui al comma 1 da parte del personale scolastico e di quello universitario è considerato assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto  giorno di assenza il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato». E il governo ha anche già pensato ai supplenti, stanziando una somma di denaro pronta all’uso. «Al fine di consentire il tempestivo pagamento delle competenze al personale supplente chiamato per la sostituzione del personale assente ingiustificato, è autorizzata la spesa di 358 milioni di euro per l’anno 2021».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...