23.7 C
Milano
21. 06. 2024 12:59

Bolletta della luce troppo alta: e Milanosport mette il phon a pagamento

Asciugarsi i capelli nelle piscine diventerà ora molto costoso 

Più letti

Una tariffa al minuto per i phon nelle piscine, per andare incontro alla bolletta della luce troppo alta e a spese divenute insostenibili. È questa la soluzione trovata da Milanosport, società del Comune di Milano che offre la più ampia gamma di servizi sportivi ai cittadini con i suoi 27 impianti sparsi sul territorio. Un’amara sorpresa per quei genitori che accompagnano i propri figli in piscina, ma anche per tutti quegli adulti che vedono nel nuoto una forma di attività fisica.

Bolletta della luce troppo alta, Milanosport mette il phon a pagamento 

Di certo a smenarci sono un po’ tutti: Milanosport non fa una bella figura, il Comune di Milan me che meno, i bambini, gli uomini e le donne frequentatori delle piscine i più colpiti. Queste ultime, poi, di norma sono quelle che passano più tempo al phon, per avere capelli asciutti, una piega perfetta (o perlomeno decente) e, in generale, perché hanno capigliature più lunghe e corpose. Insomma, vero che la bolletta della luce troppo alta ha messo in difficoltà tutti, ma inserire il phon a pagamento nelle piscine di Milanosport non appare la scelta migliore. 

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Bolletta della luce troppo alta, dove si trovano e quanto costano i phon a pagamento di Milanosport 

La novità del 2023 per ora è stata introdotta in tre impianti, Solari, Bacone e Cambini-Fossati appena quest’ultima riaprirà. Ma quello che si sa è che sarà estesa a tutte le piscine comunali gestite da Milanosport. Dove verranno consegnate delle tessere per poter utilizzare i phon. Al prezzo di 0,10 centesimi al minuto. Perché? Per fare in modo che i phon vengano usati il minimo indispensabile e, così, consumare meno e abbassare la bolletta della luce troppo alta.

piscina scarioni

Bolletta della luce troppo alta, quanto riuscirà a risparmiare Milanosport con i phon a pagamento

Difficile sapere quanto la politica dei phon a pagamento nelle piscine di Milanosport porterà ad un risparmio concreto in termini economici sulla bolletta della luce troppo alta. Molto dipenderà dai tempi di installazione dei nuovi phon a tessera, ma in generale è chiaro che si punta anche a catechizzare gli oltre 40 mila frequentatori degli impianti sportivi comunali. I quali, è giusto dirlo, spesso utilizzano gli asciugacapelli anche per asciugare i costumi,  le ciabatte e quant’altro. 

piscine a milano

Bolletta della luce troppo alta, Milanosport estende una pratica già in uso

Ma la decisione di installare dei phon a pagamento non è nuova in casa Milanosport, visto che già era operativa negli impianti Iseo e, fino a prima del Covid, Bacone. Ora verrà estesa in tutte le piscine. Nelle prossime festività di Pasqua, quando gli impianti verranno chiusi, dovrebbe esserci l’accelerata decisiva per l’installazione dei phon a pagamento in molti degli impianti. Congelata, per ora, l’ipotesi di una riduzione degli orari di apertura degli impianti.

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...