milan
milan

Il Milan sta dimostrando di poter e saper stare ad alta quota, non avendo problemi di ossigeno e anzi spingendo ancora di più per superare i grandi ostacoli. A Bergamo era a un bivio: saltare o rinunciare. Ha rischiato e ce l’ha fatta, raggiungendo un pezzo di montagna inesplorato. I rossoneri non sono abituati ad essere al quarto posto in Serie A, lo stanno imparando solo in questo periodo di questa stagione, e hanno il dovere di rimanerci.

Per qualificarsi alla prossima Champions League la strada è ancora lunga ma adesso il calendario andrà in discesa: Empoli e Sassuolo a San Siro, poi il Chievo a Verona. Obbligatorio vincere sempre. Saranno gare abbordabili però guai a rilassarsi, a sottovalutare impegni e avversari. Proprio la 25ª giornata in arrivo, domani alle 20.30 contro i toscani, rappresenterà un’altra prova di maturità. Anche perché all’andata il Diavolo regalò il gol del pareggio e buttò via due punti.

La classifica è bella da guardare, il Diavolo se l’è meritata: essere a +4 da Lazio e Atalanta è tanta roba, essere davanti alla Roma avendo il vantaggio negli scontri diretti è prezioso. Ora servirà almeno mantenere il distacco e continuare a correre. Mister Gattuso farà al massimo qualche piccolo cambio. Impossibile rinunciare a bomber Piatek, che va verso la quinta da titolare di fila e cerca i primi gol a San Siro in campionato.

Senza Suso toccherà a Castillejo agire in fascia destra. Questa la probabile formazione (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Paquetá; Castillejo, Piatek, Calhanoglu. Resta ancora buona disponibilità di biglietti, acquistabili a Casa Milan, in qualsiasi filiale BPM e su TicketOne; oppure alla casse dello stadio, aperte nel matchday: si parte da un prezzo base di 36 euro per il primo anello blu-verde e il secondo arancio. Attiva una promozione per gli studenti universitari Under 18, i quali potranno pagare solo 20 euro in diversi settori.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/