21.4 C
Milano
19. 05. 2024 23:40

Open Day sulla Boccia Paralimpica, l’atleta Perrone: «Sta rinascendo un movimento»

Open day sulla Boccia Paralimpica a Lacchiarella: a seguire i ragazzi, l'atleta milanese Mauro Perrone

Più letti

Si terrà domani a Lacchiarella alle 10.30 l’Open Day sulla Boccia Paralimpica organizzato da Fondazione Ariel – Centro disabilità neuromotorie infantili, realtà presente dal 2003 per rispondere ai bisogni delle famiglie di bambini con Paralisi Cerebrale Infantile e altre disabilità neuromotorie: l’occasione è un invito aperto a tutti alla conoscenza dello sport inclusivo che vede coinvolta, per la prima volta, anche la disabilità più grave come la tetraplegia, una paralisi che coinvolge tutti e quattro gli arti e il torso.

L’ingresso è libero per tutti i ragazzi dagli 8 anni in su con disabilità neuromotorie, insieme a genitori ed accompagnatori, con prenotazione a fondazione.ariel@humanitas.it. Alla guida dell’open day, l’atleta paralimpico milanese Mauro Perrone.

Mauro Perrone racconta l’Open day sulla Boccia Paralimpica

Lo scopo del gioco è lo stesso delle bocce classiche?
«Esatto: bisogna avvicinare quante più bocce del proprio colore, rosso o blu, alla boccia bianca, il jack. La differenza sta nei materiali utilizzati e negli spazi in cui si pratica, tutti adatti a persone con disabilità fisica grave che praticano questo sport in carrozzina. Avvicinare i bambini è importante per permettere loro di acquisire maggiore autonomia».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

E lo scopo “etico”?
«La boccia può rappresentare un percorso simile ad una fisioterapia per gli atleti affetti da paralisi cerebrale, impegnati a lanciare la boccia in un determinato punto con un enorme sforzo richiesto. Prima di impegnarmi nella boccia mi occupavo di atletica: il lancio del peso era di gran lunga meno impegnativo della boccia, qui il livello di concentrazione richiesto è massimo».

Com’è essere l’unico atleta italiano ad aver partecipato a un mondiale?
«È stata una grande soddisfazione. Ho partecipato al mondiale del 2018 qualificandomi nei primi 32 del ranking mondiale, il mio unico rammarico è che a Liverpool non ho potuto dare il meglio a causa di un problema fisico. Spero che questo mio record venga battuto presto da altri atleti italiani».

Cosa manca a questa disciplina per essere seguita anche dal grande pubblico?
«Oggi viene praticata da oltre 60 paesi al mondo e viene riconosciuta alle Paralimpiadi. In Italia stenta a decollare, ma dobbiamo avere pazienza. Si tratta di uno sport giovane, in due anni, ha trovato forza nella forte curiosità nei ragazzi: nonostante la pandemia, da 15 squadre a livello nazionale siamo passati a 30. Il movimento sta rinascendo dal basso».

 

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...