8.2 C
Milano
04. 12. 2022 20:17

Simone Barlaam: il ritorno del mito

Sei gare e sei medaglie d’oro ai mondiali, alla scoperta del talento milanese

Più letti

Sei titoli mondiali e altrettante medaglie d’oro. Quattro record mondiali. E due record europei. Sono i numeri da capogiro del milanese Simone Barlaam ai campionati del mondo di nuoto paralimpico di Madeira 2022, appena conclusi. Numeri che riassumono le vittorie, ma non dicono tutto. Non raccontano il valore e le emozioni dietro a ognuna delle gare vinte. 

Simone Barlaam, sei gare e sei successi

Simone Barlaam ha partecipato a sei gare e le ha vinte tutte e sei. È campione del mondo nei 100 farfalla, classe S9. Nei 400 stile libero, S9. Nei 100 stile libero S9. Nei 100 dorso S9. Nei 50 stile libero, la sua gara regina dove ha vinto l’oro a Tokyo. E in ultimo ma non ultimo è stato determinante nella conquista dell’oro e del record del mondo nella staffetta 4×100 mista, con una rimonta entusiasmante, ultima gara in calendario ai mondiali che ha consacrato – per la seconda volta dopo Londra 2019 – gli azzurri sul podio più alto del medagliere, davanti a Stati Uniti e Brasile. 

Suoi anche i record del mondo

Sempre per restare sui numeri, Simone Barlaam ha ritoccato i record del mondo nei 100 stile libero (52.23, primo della storia a scendere sotto i 53 secondi nella classe S9), quello dei 100 dorso (59.72, primo atleta della sua categoria a scendere sotto il minuto), 50 stile (24 secondi netti) e nella staffetta 4×100 stile libero punti 34 (4:02.53). Il campione milanese di Cassinetta di Lugagnano ha fatto segnare anche il record europeo nei 400 stile libero (4:10.78) e nei 100 metri farfalla (58.29). Vero protagonista dei mondiali portoghesi è imbattuto in tutte le gare che ha disputato ai Mondiali, da Londra 2019 a Madeira 2022, con un bottino di 11 ori, solo in queste due competizioni. A cui si aggiungono le quattro medaglie dei Giochi Paralimpici di Tokyo (1 oro, 2 argenti e 1 bronzo) con un palmarés internazionale che ha raggiunto le 31 medaglie – di cui 22 d’oro – tra Paralimpiadi, Mondiali ed Europei. Un atleta che a soli 22 anni si è già consacrato nell’Olimpo tra i grandi dello sport mondiale. 

Ritrovare il piacere di stare in acqua

«Volevo prendermi un po’ di rivincite con me con il passato. Non pensavo di far così bene e di andare così veloce. Perché un conto è vincere le medaglie e un conto è andare così veloce. Una serie di cose nuove che sono successe, mi hanno fatto rinascere come atleta. Ho ritrovato il piacere di stare in acqua, di divertirmi ed è lì che do il meglio di me, come in questi casi. Le vittorie le dedico a me stesso, e me le sono guadagnate dopo i tanti problemi dell’anno scorso».

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...