sport in lombardia
sport in lombardia

La Regione rinnova il sostegno per lo sport in Lombardia a tutte quelle realtà che promuovono sul territorio politiche educative. In particolare, è pronto un nuovo fondo di 1,6 milioni di euro a favore di comitati, delegazioni regionali, associazioni e società sportive dilettantistiche senza scopo di lucro che in Lombardia sono oltre diecimila.

I DETTAGLI • In particolare, sono due le linee di intervento previste dall’assessorato allo Sport di Regione Lombardia per un contributo che varia da 1.000 a 5.000 euro. A favore dei comitati e delle delegazioni regionali, sono state finanziate 17 domande per un totale di 82.584 euro. Le associazioni (Asd) e Società sportive dilettantistiche (Ssd) hanno ricevuto un contributo che varia da 1.000 a 5.000 euro.

Con il bando regionale sono state finanziate 314 domande per 1.518.000 euro. Su entrambe le linee è stata prevista una ripartizione che premia il numero di tesserati complessivi (peso 20%), il numero di tesserati di età inferiore ai 18 anni (peso 75%) e per ciascuna federazione (peso 5%). Una riserva delle risorse è destinata per l’attività sportiva dei disabili: 11 le domande presentate e finanziate per un contributo totale di 55.000 euro.

GLI INDIRIZZI • «Lo sport di base è per Regione Lombardia una priorità – le parole di Martina Cambiaghi, assessore regionale allo Sport e Giovani –. Questo bando è una risposta concreta alle difficoltà economiche delle società sportive. Incontrando in questi primi mesi di mandato i presidenti delle oltre diecimila associazioni lombarde ho ricevuto la forte richiesta di aiuto anche nell’attività ordinaria.

A causa delle difficoltà economiche, che le società negli ultimi anni sempre più spesso attraversano, non solo è diventato per loro difficile organizzare eventi importanti ma anche garantire l’ordinaria gestione». E ancora: «La maggior parte delle realtà sportive vivono ancora oggi grazie alla passione e all’impegno dei volontari. Il bando vuole essere una risposta mirata a sostenere le loro esigenze. Ancora una volta Regione Lombardia si mette a fianco di quanti continuano ad appassionarsi per permettere a un vasto numero di ragazzi e di cittadini di svolgere attività sportive di base e agonistica. Un settore vitale ed essenziale non solo per fare della sana attività fisica, ma che svolge anche un determinante ruolo sociale, educativo e formativo che va a vantaggio di tutti».